• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.016 visite

Zanzara infetta: ecco i sintomi del virus che terrorizza Roma

ZANZARA CHIK

Il virus della zanzara infetta che terrorizza Roma  ha un nome quasi impronunciabile: Chikungunya (CHIK) , ma  ha sintomi che possono essere confusi con qualcosa di  meno grave mentre il rischio  può anche arrivare alla morte, come accadde in Emilia Romagna nel 2007.

Non c’è pace per  gli italiani alle prese con una serie di manifestazioni epidemiche e climatiche tropicali alle quali paesi come il nostro, tipicamente temperati, non erano non sono abituati.

Dalle precipitazioni di pioggia violente  di inizio settembre 2017,  alla malaria che ha ucciso un bimbo a Trento, fino ad arrivare ai 7 casi di infezione di questa zanzara infetta ed alla sempre più frequente presenza di pesci tropicali nei mari italiani come i barracuda, l’Italia sembra avviarsi ad una tropicalizzazione climatica dalle prospettive sconosciute.

 

Leggi anche: Morire di malaria? Ecco come correre ai ripari

 

Cos’è la Chikungunya (CHIK)

Si tratta di una malattia febbrile virale acuta epidemica trasmessa dalla puntura di zanzare infette. Il virus delle epidemie urbane è trasmesso da zanzare della specie Aedes aegypti, la stessa che trasmette la febbre gialla  e la dengue.

Il periodo di incubazione della malattia è abbastanza breve, 2-4 giorni.

 

 

Leggi anche: Zanzara Tigre? Ha le ore contate

 

Come riconoscere i sintomi della  Chikungunya (CHIK)

 

Nella prima fase, che dura dai 6 ai 10 giorni i sintomi sono i seguenti:

  1. febbre
  2.  cefalea
  3.  importanti artalgie che limitano i movimenti.
  4. dolori in tutto il corpo in corrispondenza di tendini e articolazioni;
  5. spossatezza;:
  6.  depressione
  7.  I pazienti tendono a rimanere assolutamente immobili in posizione antalgica.

 

Leggi anche: Come prevenire le malattie tropicali

direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}