• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

VIDEO – 5 consigli per un Sushi senza rischi

La cucina giapponese con sushi e sashimi ha scalzato la cucina cinese, ma è pesce crudo e comporta rischi per la salute. Ecco 5 consigli per mangiare il sushi senza timore

Tra i cibi etnici di gran moda, il sushi giapponese  si è conquistato negli ultimi anni il primo posto in classifica.
Merito del cinema che lo ha reso glamour, della  fama che lo  descrive dietetico e della leggenda lo vuole perfino afrodisiaco. Ma dietro tanto successo c’è anche qualche rischio. Perché non dobbiamo dimenticare che si tratta pur sempre di pesce crudo, cioè dell’alimento ideale per parassiti, batteri e vibrioni e… mercurio.
Il più temibile parassita è l’Anisakis, un verme  che entra nella catena alimentare del mare e culmina nei pesci predatori  di grandi taglie tra i quali il tonno, usato proprio per il sushi.  E che resiste alla cottura e muore solo se abbattuto nei ristoranti a – 20° per almeno 24 ore.
Se mangiamo del sushi con il verme killer  rischiamo  uno choc anafilattico che  può mandarci al creatore. Se poi c’è del mercurio, rischiamo perfino epilessia e parkinson.
Ecco dunque 5 consigli per mangiare un sushi con più tranquillità:

  1. accertatevi che il ristorante abbia congelato il tonno a – 20°
  2. Evitate sushi fatto con pesci predatori grandi (tonno, pesce spada, o salmone)
  3. se mangiate sushi di tonno scegliete il tonno Yellow Fish o “Pinna Gialla” ed evitate il Big Eye Tuna perchè   trattiene molto più mercurio del primo;
  4. scegliete tonni del Mediterraneo  ed evitate quelli oceanici;
  5. Diffidate del Sushi  con prezzi troppo bassi. Il Tonno migliore e più sicuro è il Pinna Gialla che però proprio perchè più richiesto, se è veduto a poco prezzo qualcosa non va.
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}