• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.474 visite

Quando il rumore diventa inquinamento

Tutti i danni per la salute che può causare l’eccessiva esposizione a decibel elevati

A leggere l´elenco di danni che l´eccessiva esposizione al rumore può causare, non si può che essere presi da un sussulto di paura: ipoacusia, danni al timpano, vertigini, aumento della pressione e del battito cardiaco, disturbi del sonno, interferenza con la comunicazione verbale. E sono soltanto i danni più comuni. La domanda è: qual è il livello di rischio? Quand´è che il rumore diventa davvero pericoloso per la salute?
A rispondere arrivano leggi e strumenti di misurazione, che definiscono i livelli di rischio legati a un’eccessiva esposizione al rumore. Proprio di queste valutazioni si occupano, in particolare, i Tecnici competenti in acustica ambientale del Centro di Ricerche Ambientali di Pavia e di Padova in stretta collaborazione con i medici di medicina del Lavoro dell´Irccs Fondazione Salvatore Maugeri. Figure specializzate che, in base alla Legge Quadro sull’inquinamento acustico (L. 447/95), offrono assistenza nella valutazione previsionale dell’impatto acustico alle aziende private, nel caso di apertura di nuove attività, e ai Comuni, per la definizione del Piano di zonizzazione acustica volto a individuare le aree del territorio dov’è richiesta una maggior tutela e un´azione di bonifica.

Ipoacusia, seconda causa di malattia professionale
"Il rumore rappresenta un importante fattore di rischio per la salute dei lavoratori e, in misura e modi diversi, della popolazione generale non professionalmente esposta al rischio", spiega Francesco Frigerio, fisico del Centro di Ricerche Ambientali di Pavia e Padova della Fondazione Maugeri. "La Legge 447/95 riconosce le diverse forme di inquinamento acustico e stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela sia negli ambienti di lavoro, sia negli ambienti di vita".
"Inoltre", aggiunge Giuseppe Taino, dell’Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro dell’Istituto Scientifico di Pavia, "le indagini condotte dall’Inail pubblicate lo scorso luglio hanno evidenziato che l’ipoacusia da rumore è la seconda causa di malattia professionale. Dei circa 6 mila casi emersi nel 2010 il 16% riguardavano lavoratori che operano nel settore dell’industria e dei servizi, con un picco del 25% al Nord-Ovest e al Sud, e l’8% soggetti che sono impiegati nel settore agricolo". Secondo i dati Ocse l´inquinamento acustico ambientale è attribuibile per il 63% al traffico stradale, per il 20% agli impianti industriali, per il 14% al traffico aereo e per il 6% a quello ferroviario.

I livelli di rischio
"Il suono", prosegue Frigerio, "può danneggiare l’apparato uditivo quando il livello supera gli 80 dB(A); con l´esposizione ripetuta e prolungata a questo livello sonoro, per le 8 ore di lavoro, devono essere presi provvedimenti per evitare il rischio di ipoacusia. Inoltre, l’esposizione a rumore superiore a 140 decibel di picco possono portare un danno irreversibile al timpano (il rumore di urti e esplosioni). Per questo nell’ambiente di lavoro è necessario limitare i rumori impulsivi e proteggersi se si praticano attività a rischio come la caccia e il tiro a segno".
Diversa è la valutazione che riguarda l’inquinamento acustico ambientale, configurabile "già in presenza di immissioni di livelli superiori a 40 dB(A) durante la notte e 50 dB(A) durante il giorno". È stato inoltre rilevato che l’esposizione cronica a rumore può dar luogo a una serie di altri effetti non legati prettamente a un danno dell’apparato uditivo: problemi psicologici e comportamentali, disturbi del sonno, aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, interferenza con la comunicazione verbale e la così detta sindrome da stress, legata all´esposizione continuativa a rumori che stanno tra i 65 e 70 dB(A).

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}