• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

VIDEO – Osteoporosi, così la riconosci e la sconfiggi. Anche a tavola

Tutto quello che devi sapere per riconoscere i sintomi dell’osteoporosi e capire se prendi abbastanza calcio.

La chiamano la malattia silenziosa perchè non  avverte e non dà sintomi. Ma quando arriva ce ne accorgiamo eccome; infatti basta un piccolo urto per fratturare il femore, l’anca o il polso. Ed allora capiamo che  è osteoporosi e che se l’avessimo saputo prima  l’avremmo fermata.
L’osteoporosi è la malattia che rende fragili le ossa, perché  con l’avanzare dell’età le ossa di tutti perdono il calcio. Colpisce prevalentemente le donne:  dai 30 anni il rischio comincia ad aumentare lentamente,  dopo i 50 anni accelera e colpisce 4 donne su 10 e; dopo i 70 non si ferma più: 2 anziani su 3 ce l’hanno e se si rompono un femore nella metà dei casi muoiono entro 1 anno.
Per capirla in tempo occhio ai sintomi: dolore alla schiena nel tratto lombare e dorsale, più accentuato quando ci alziamo da seduti.
Per diagnosticarla  c’è la MOC, una indagine simile ad una lastra; è indolore dura 10 minuti, da fare 1 volta l’anno.
Per curarla, serve rimettere nelle ossa il calcio che se n’è andato con l’età.
La dieta quotidiana è decisiva: ogni giorno  dobbiamo ingerire circa 800 mg di calcio. Diamo un’occhiata a questa lista di cibi. Indica quando calcio c’è nei piatti che mangiamo più frequentemente. Per il resto scegliete voi.

Ed ora guardate questa seconda lista. Sono gli alimenti che contengono più calcio. In cima alla classifica quelli che  ne contengono di più, e poi via via quelli più poveri. Sceglieteli a vostro gusto e combinateli nella dieta. Eviterete l’osteoporosi

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}