• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

17.058 visite

Maglia della salute: sì o no? Come fare la scelta giusta

Reperto vintage o efficace difesa contro il freddo? Tutti i pro e i contro della canottiera, della maglia, della t shirt sotto la camicia o il maglione

……..senza dubbio il cotone: non dà alcun problema.
Sul mercato esistono magliette che uniscono le qualità del cotone con i pregi della lana (che resta comunque il tessuto più caldo). Se si suda la lana trattiene il sudore e, quando si esce, il freddo la fa diventare un involucro ghiacciato a contatto della pelle. «E un infreddamento improvviso può avere brutte conseguenze, innanzitutto sulle alte vie aeree: rinite e mal di gola sono in agguato» secondo Francesco Carelli, medico di famiglia e professore a contratto all’Università di Milano.

Le alternative
Ci sono poi quelle in microfibra, un tessuto ottimo quando fa molto freddo perché può fare da isolante ed è straordinariamente caldo. Ma attenzione, può causare irritazioni se la maglia è troppo stretta o se resta a contatto della pelle per un periodo molto lungo.

Le maglie in seta, infine, possono contare su un tessuto naturale che tiene più caldo del cotone e dà meno problemi alla pelle di quanto non faccia la lana. Il vero inconveniente è il costo, sempre abbastanza alto. Altri piccoli difetti? La delicatezza: si macchia e si rovina con facilità.

Addosso tutto l’inverno
Quando iniziare a indossare la maglia della salute dipende dall’esperienza o dal metabolismo individuali: c’è chi soffre già ai primi freddi e chi non si accorge che è arrivato l’autunno. Ma quando arriva il momento in cui si percepisce freddo intenso è bene mettersi la T-shirt e non toglierla più fino al ritorno della bella stagione, a meno che non capiti una giornata di caldo improvviso in mezzo all’inverno.

 

Quanto soffri il freddo? Scoprilo con IL TEST

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}