• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.315 visite

La rivincita dell’acqua di rubinetto

L’Italia è ai primi posti del mondo per consumo di minerale in bottiglia. Ora, però, qualcosa sembra cambiare…

Noi italiani saremo anche campioni mondiali di consumo di acqua minerale in bottiglia (due famiglie su tre, stima l’Istat, la consumano regolarmente). Eppure negli ultimi tempi qualcosa sembra essere cambiato: la scarsa fiducia nei confronti dell’acqua che sgorga dal rubinetto di casa si sta via via affievolendo. Risultato: sempre più famiglie preferiscono quella. Nel solo 2010 si è registrato un +4% che, considerando la leggendaria fedeltà dei nostri connazionali all’acqua minerale in bottiglia, suona come una sorta di rivoluzione.

Segnali di apertura
Il dato arriva dalle ultime statistiche sull’argomento, condotte da Aqua Italia, l’associazione delle aziende costruttrici e produttrici di impianti per il trattamento delle acque primarie che da diversi anni tiene d’occhio la propensione degli italiani al consumo di acqua potabile del rubinetto. Gli ultimi rilevamenti parlano di un 74% degli intervistati che si dichiara non più così chiuso a evitare l’acqua in bottiglia. Non solo: cresce anche la frequenza di utilizzo: un italiano su tre dichiara di berla “sempre”, passando dal 40% circa del 2008 al 46% del 2010.

Minore diffidenza
Secondo i dati Istat, dieci anni fa le famiglie diffidenti nei confronti della qualità e della sicurezza dell’acqua del rubinetto di casa erano pari al 16,2%, oggi lo stesso dato è sceso al 10,8%. E anche quei nuclei familiari che pure conservano almeno un membro che non nutre fiducia verso l’acqua “liscia” di casa, diminuiscono: dal 42% nel 2001 al 32,8% nel 2010.

Perché piace l’acqua di rubinetto
Ma quali sono i motivi principali che spingono gli italiani a gradire l’acqua di rubinetto? Anzitutto il gusto (che convince poco meno del 30% del campione di intervistati), seguito dall’idea che sia più controllata dal punto di vista sanitario, rispetto alla minerale in bottiglia (20,4%). Poi c’è la comodità di non dover più trasportare le casse dal supermercato (20,2%), il risparmio (16,3%) e il rispetto per l’ambiente (13%).

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}