• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

504 visite

Sesso senza amore? Ecco il verdetto della scienza

Ora lo dice anche la scienza: sesso e amore sono due cose diverse e separate e ciò spiega perchè l’eterno dilemma (esiste sesso senza amore?) ora può essere sciolto a favore del si: l’attrazione sessuale può esistere anche se non si è innamorati. Ma, come fosse una sorta di contrappasso naturale, nel cervello esiste anche una sorta di “termostato”della passione, un meccanismo di autoregolamentazione che mette un limite al sesso sfrenato.

A queste con conclusioni è giunto un gruppo internazionale di scienziati coordinati dallo psicologo Jim Pfaus della Concordia University canadese che per la prima volta hanno “fotografato” i circuiti cerebrali dell’amore e desiderio sessuale, disegnando una sorprendente nuova mappa dei due sentimenti al centro della vita.

I ricercatori hanno analizzato i risultati di 20 diversi studi in cui è stata esaminata l’attività cerebrale di persone alle quali venivano mostrati video erotici o fotografie di partner e i risultati hanno permesso di individuare le zone del cervello collegate al sesso e all’innamoramento.

Un’occasione unica per rispondere all’eterno dilemma: la passione fisica può avere vita propria e indipendente dal sentimento?

 

Leggi anche: Perchè l’amore è cieco anche di fronte al sesso

 

Il responso della scienza è netto: «È emerso – riassume Pfaus – che amore e desiderio sessuale attivano aree del cervello diverse e specifiche», quindi distinte, «ma correlate» l’una all’altra.

 

Dove  si conficcano le bandierine del sesso e dell’amore

Gli autori hanno scoperto che sono due, in particolare, le strutture cerebrali coinvolte nella “parabola” che – secondo lo schema più accreditato dalla scienza – porta dal desiderio sessuale al vero amore. Le aree in questione si chiamano insula e striato: l’insula è una porzione di corteccia cerebrale racchiusa in profondità tra i lobi temporale e frontale, mentre lo striato è collocato nelle vicinanze, all’interno del cosiddetto prosencefalo.

Entrando ancora più nel dettaglio, le “bandierine” corrispondenti all’amore e al sesso vanno infilate in due zone diverse dello striato. L’area attivata dal desiderio sessuale viene in genere “accesa” da piaceri intrinseci come il sesso, appunto, o il cibo. L’area attivata dall’amore, invece, è coinvolta nel processo di condizionamento secondo il quale i soggetti associati alla ricompensa o al piacere hanno valore di per sè.

In altre parole, semplifica Pfaus, «mentre il desiderio sessuale si pone un obiettivo preciso e concreto» e cioè l’atto intimo, «l’amore è qualcosa di molto più astratto e complesso, indipendente dalla presenza fisica della persona oggetto del sentimento». E anche se a volte dal sesso nasce l’amore, a livello cerebrale l’uno e l’altro vengono comunque “processati” da aree differenti.

 

Leggi anche: Amore e sesso? E anche una questione di umore

Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}