• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.604 visite

Il cocomero? Ecco perchè è un Viagra naturale

L’anguria è il frutto della passione estiva, grazie alla citrullina

12Finora  il modo più sano per dissetarsi d’estate con un frutto era l’anguria. Ma ora l è qualcosa di più e, per alcuni, anche di meglio se si considera che la scienza ha appurato una sua nuova proprietà:  quella afrodisiaca di accendere la passione e migliorare  le prestazioni tra le lenzuola.

Secondo uno studio scientifico, infatti, l’anguria è il vero “frutto della passione”, in grado di aumentare la libido, già potenziata dalle atmosfere estive. Anzi, dietro all’umile cocomero si nasconde il sostituto naturale del Viagra.

I ricercatori dell’università A&M del Texas hanno scoperto infatti che l’anguria ha gli stessi effetti dei farmaci utilizzati per combattere le disfunzioni erettili – Viagra, ma anche Cialis o Levitra – perché agisce sui vasi sanguigni, dilatandoli. “Quanto più studiamo questo frutto, tanto più ci convinciamo delle proprietà stupefacenti che ha”, spiega Bhimu Patil, direttore della ricerca.

 

Leggi anche: Disfunzione erettile: fare sport aumenta il desiderio

Tutto merito afrodisiaco della citrullina

Alla base di queste reazioni c’è la citrullina, una sostanza naturale fitonutriente. Ogni volta che si mangia una fetta di anguria, il corpo assume la citrullina, che, grazie all’azione di alcuni enzimi, si converte in arginina, un amminoacido che, tra l’altro, dà benefici anche al cuore, al sistema circolatorio e a quello immunitario.

Ma, tornando alle capacità amatorie, l’arginina agisce direttamente sui capillari: “Eleva la concentrazione di ossido di azoto, che a suo volta fa rilassare i vasi sanguigni – chiarisce Patil – e così cura la disfuzione erettile.

Forse ha addirittura la capacità di prevenirla. Senza avere gli effetti collaterali del Viagra“.

Non solo: l’arginina aiuta anche il ciclo di smaltimento nell’urea, eliminando l’ammoniaca e gli altri composti tossici dell’organismo.

Eppure sostituire la “pillola blu” non sarà così immediato. E questo perché la “magica” citrullina raggiunge la massima concentrazione nella parte bianca dell’anguria. Quella che di solito si scarta, ma che da oggi potrebbe entrare nelle abitudini alimentari dei maschi di tutto il mondo.

Niente paura, però, gli scienziati del Texas hanno già fatto sapere che stanno lavorando per sviluppare una qualità di anguria che contenga altissime dosi di citrullina anche nella polpa.

 

Leggi anche: Anguria, ecco perchè non va mangiata troppo ghiacciata

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}