• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.634 visite

Il parto in casa

Il parto in un ambiente familiare comporta maggiori rischi per la madre ed il bambino

il parto in casa

E’ opportuno che la futura mamma discuta delle eventuali ansie rispetto alla nascita in una struttura ospedaliera e il conseguente desiderio di un parto in un ambiente familiare.

A questo proposito si deve sottolineare chiaramente che per quanto riguarda la salute e la vita della madre e del bambino oggi più che mai vi sono remore rispetto ad un parto a casa. Sappiamo che la riduzione dei rischi che è stata ottenuta negli ultimi anni è dovuta in prima linea all’ accurata assistenza con i metodi di monitoraggio e di controllo sviluppati solo negli ultimi decenni. Questi non sono disponibili, o almeno solo in parte, nell’assistenza domiciliare al parto. Viene a mancare anche la possibilità di immediato intervento di un medico in caso di improvvise complicazioni. Queste devono essere sempre previste anche in caso di gestanti sane con accertamenti normali all’inizio del travaglio, tenendo presente che anche un rapido trasporto in una struttura ospedaliera spesso non è abbastanza efficace o rapido per poter affrontare improvvise complicazioni.

I rischi

Per ogni ostetrico – levatrice o medico – sarebbe pertanto irresponsabile non informare esaurientemente la gestante sui maggiori rischi per la madre ed il bambino nel parto a casa, anche per non esporsi successivamente a legittimi rimproveri.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}