• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

27.291 visite

I popcorn fanno ingrassare? Quello che devi sapere

Tutti i difetti (non solo calorie e grassi) e i modi per non privarsene per forza

I pop corn al cinema sono un appuntamento obbligato per molti. Ma pop corn e Coca cola (o aranciata o altre bevande gassate e zuccherine) rappresentano anche il connubio più pericoloso per la dieta. Sì, perché il rischio di ingrassare è altissimo: in confronto il fast food può essere addirittura un esempio di alimentazione sana (e sappiamo bene quanto hamburger e patatine fritte possono essere nemici della bilancia…). Ma vediamo di capire come e perché i pop corn sono così deleteri per la dieta.

 

Troppe calorie, troppi grassi
Un recente studio Usa ha calcolato che un’uscita al cinema può costare circa 1.160 calorie, pari quasi al totale fabbisogno giornaliero. Per non parlare di grassi saturi, responsabili delle malattie cardiovascolari e nemici pubblici delle arterie: l’accoppiata bibita-popcorn regala a chi la consuma una quantità di questi grassi pari a quella che dovrebbe essere assunta da un adulto nell’arco di tre giorni.
E poi ci sono le calorie: davvero tante. Il secchiello maxi che troviamo al cinema contiene più di un etto di pop corn. E 100 g equivalgono a 378 calorie, 4,2 g di grassi, 78 di carboidrati, solo per citare alcune delle sostanze che più mettono a rischio la dieta. Certo, ci sono anche proteine (poche), fibre e potassio. Ma resta il fatto che mangiare così tanti pop corn, magari dopo aver cenato o pranzato, rappresenta un eccesso inutile e dannoso per l’organismo. Tutto il contrario di un ingrediente perfetto per un menu anti-colesterolo, per esempio.

 

Leggi anche: Calorie: 10 modi per tagliarle senza soffrire

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}