• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

16.094 visite

I pistacchi? Fanno dimagrire e restare giovani

Hai letto bene: pochi al giorno aiutano la dieta. Scopri quanti puoi mangiarne

Mangiare pistacchi tutti i giorni fa bene alla salute in genere e a quella del cuore in particolare, dà energia e aiuta anche a prevenire l´obesità. A tessere le lodi di questo piccolo frutto sono due nuovi studi scientifici pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica americana "Nutrition", che puntano a chiarire la relazione tra il consumo di frutta secca, inclusi i pistacchi, e il peso corporeo in rapporto ad altri studi sulla salute del cuore.
I ricercatori affermano che sebbene la frutta secca abbia un alto contenuto di grassi, la maggior parte di questi sono grassi insaturi, che possono non essere totalmente assorbiti. Inoltre, grazie alla loro densità nutritiva, e all’alto contenuto di proteine e fibre, la frutta secca è appagante, e potrebbe ridurre il desiderio di cercare altro cibo. Insomma: darebbe una mano alla dieta.

Fonte di proteine
Perché la frutta secca è da preferire alla carne come fonte di proteine? Perché contiene acidi grassi benefici senza traccia di colesterolo, e svolge un´azione protettiva sulle malattie cardiovascolari, diabete e tumori, ma anche un benefico effetto sui parametri di colesterolo, trigliceridi e glicemia.

La porzione ideale
I pistacchi hanno 15 importanti sostanze nutritive, come antiossidanti, fibre e proteine vegetali. Sono uno snack privo di colesterolo che contiene solo 1,5 grammi di grassi saturi e 13 grammi di grassi a porzione, la maggior parte dei quali deriva da grassi monoinsaturi e polinsaturi.
Una porzione di circa 30 g di pistacchi corrisponde a 49 pistacchi, che è il più alto numero di unità a porzione in confronto a qualsiasi altro tipo di frutta secca a guscio. Le calorie? 160 per porzione.

Ok per gli sportivi
I pistacchi sono lo snack perfetto per gli sportivi, rispetto a qualsiasi altro spuntino con lo stesso apporto calorico. Una porzione di pistacchi contiene più potassio (300 mg, 8%) di un’arancia (250 mg, 7 %), facendone un alimento completo per uno snack o un ingrediente da inserire nella dieta quotidiana.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}