• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.053 visite

Umorismo in ufficio? Le 5 regole per far carriera

ll senso dell’umorismo se praticato in ufficio nel modo giusto può aiutarvi a fare carriera. Ecco le 5 regole dell’Humor business elaborate dalla Wharton School.

umorismo-in-ufficio

Barzellettieri e battutisti di tutto il mondo inorgoglitevi: il senso dell’umorismo se praticato in ufficio nel modo giusto  può aiutarvi a fare carriera in un modo che neanche immaginate.

Ad aver scientificamente provato  la potenza del senso of humor nelle relazioni d’affari e nei luoghi di lavoro sono due ricercatori della Wharton School of Pensylvania, Maurice Schweitzer e Brad Bitterly, che hanno analizzato nei  minimi dettagli la questione in un poderoso studio dal titolo “Un affare rischioso- Quando l’umorismo accresce o distrugge lo status”.

 

 

Perchè far ridere aiuta nel lavoro

 

I due ricercatori hanno dimostrato che ridere e far ridere  i colleghi aiuta a rafforzare le relazioni in ufficio ed a conquistare la fiducia dei vicini di scrivania.

Dalle loro evidenze è risultato che l’umorismo viene percepito come un maggior livello di competenza e professionalità, nel senso che più una persona  si sente a proprio agio nel lavoro e più riesce a sviluppare un alto livello di umorismo che conquista la fiducia dei colleghi e crea  un clima di sicurezza affidabilità e relax.

I due ricercatori hanno constatato  anche una correlazione tra livello gerarchico e senso dell’umorismo. Nel senso che le persone più potenti sono più spigliate ed inclini alle battute di spirito nel luogo di lavoro. Dice Bitterly:” si crea come una circolarità. Più si è potenti, più si fa ricorso all’umorismo; e più si sollecita la risata fra colleghi, più si aumenta il proprio status.

 

 

Leggi anche: Vuoi essere spiritoso? Ecco la formula dell’umorismo

 

Attenzione con contro-umorismo

 

Tuttavia, anche il  senso dell’umorismo è soggettivo. Un umorismo fuori posto o fuori tempo può avere effetti contrari e rivelarsi un “boomerang” anzichè un  “asso nella manica”.

Il rischio di sbagliare battuta è altissimo e chi usa spesso l ‘umorismo in ufficio è come se giocasse d’azzardo, nel senso che ama il rischio: gli può andar bene o male, soprattutto se ci si lascia prendere dall’eccesso di confidenza in se stessi.

Per questo sono nate in America, ma si affacciano anche in Italia, le scuole di “Humor Business” che insegnano qualche trucco per mettere a segno una bella risata sul posto di lavoro evitando gaffes o scivoloni. E si tratta di vere e proprie lezioni  che insegnano ad essere simpatici in modo intelligente. Con quali esiti?

 

Leggi anche: Come capire se chi fa ridere è anche intelligente

 

 

Le 5 regole dell’umorismo in ufficio

 

A scanso di equivoci i ricercatori della Wharton School  hanno individuato 5 regole/consigli   dell’umorismo in ufficio:

  1. Imparare a conoscere ciò che fa ridere. Ridere è un processo inconscio  ma la scienza  spiega   le 3 condizioni che fanno scattare la risata:  1) quando si ha un senso si superiorità verso qualcun altro; 2) quando si nota una differenza tra l’aspettativa e il risultato effettivo;  3) quando si prova sollievo da uno stato d’ansia.
  2. Non prendersi troppo sul serio.  Imparare a ridere su se stessi è importante perchè fare battute auto-ironiche anzichè prendere di mira gli altri, evita situazioni imbarazzanti, frizioni con i colleghi, silenziosi rancori.
  3. Il tempismo è tutto. Il tempismo della battuta a volte è più importante della battuta stessa. Se il momento giusto è già passato,  è meglio lasciar perdere. Meglio cercare di capire quand’è il momento di essere divertenti.
  4. Non esagerare.  Eccedere in battute di spirito, non capire se il momento è fuori luogo, rischia di far apparire il battutista come un clown e dunque  ha l’effetto che non viene preso sul serio.
  5. Memorizzare alcune battute. Per evitare gaffes è meglio prepararsi alcune battute standard spendibili in ufficio, leggendo libri divertenti e tenendosi informati. Del resto, a volte i fatti di cronaca che leggiamo sui giornali offrono davvero molti spunti comici.

 

Sei dotato di senso dell’umorismo? Scoprilo con IL TEST

Tag:
Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}