• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.702 visite

Egoismo, ecco quando è un bene e quando un male

Essere insensibili verso gli altri è un difetto, ma saper soddisfare le proprie esigenze, conciliandole con quelle altrui, può essere una virtù

Saper donare se stessi è una qualità ma, non sempre, il pensare a sé è  una prova di egoismo.

E´ capitato a tutti, chi più chi meno, di fare un piccolo esame di coscienza per capire se in una data situazione avremmo potuto fare di più per gli altri.

Dare la precedenza ai propri interessi non sempre è un difetto perché dipende dalle situazioni in cui ci troviamo e dal modo in cui ci rapportiamo agli altri.

Non c´è niente di male a dedicarsi a se stessi purché questo non danneggi le persone che ci circondano.

Gli psicologici spiegano che tutti noi abbiamo un istinto di autoconservazione, innato alla nascita, che con la fase dello sviluppo dovrebbe conciliarsi con la scoperta dell´altro.

 

Leggi anche: Ecco com’è fatato un egoista perfetto

 

 

Il vero altruista è fatto così

L´altruismo, qualità che si deve imparare ad allenare fin dall´infanzia, è prima di tutto la capacità di superare il senso di possesso.

Quali sono gli aspetti fondamentali dell´altruista? Essenzialmente due: quello razionale, che contempla un certo vantaggio per sé stessi, e quello spontaneo che non chiede nulla in cambio, certamente il più nobile.

Nel primo caso, si presuppone una sorta di generosità di convenienza, un “do ut des”, cioè un dare per avere. In fondo non c’è nulla di male nello scambio di favori, di appoggio, di sostegno morale e materiale.

 

L’individualista risptta gli altri

Facciamo l´esempio di quel che può capitare in un´amicizia. Se questa è a senso unico in cui uno dei due dà sempre e non riceve mai nulla in cambio, questa sarà destinata a finire.

Lo stesso in un rapporto di coppia. Esiste anche un altruismo e una generosità di chi non sa mai dire di no. In questo caso non è tanto il buon cuore a far dire sempre di sì, ma il desiderio di piacere e la paura del rifiuto.

In conclusione l´altruismo totale è veramente raro perché in tutti noi c´è un misto di egoismo e altruismo.

Facciamo il caso di una situazione tipo in cui potete valutare se appartenete a questa categoria.

Avete comprato un cane e bisogna portarlo fuori. Di solito se ne occupa lui ma, questa volta, vi chiede se potete occuparvene voi. Pensate: “Portare a spasso Fido non è certo il mio passatempo preferito ma mi rendo conto che a volte il mio lui deve fare i salti mortali. Sai cosa propongo? Alterniamoci”.

Il principio “ama il tuo prossimo come ami te stesso” nel caso dell´individualista diventa……………..

 

Sei più egoista o altruista? Scoprilo con IL TEST

 

 

(segue)

 

 

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}