• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

536 visite

Dieta in gravidanza, tutti gli errori più comuni

Fondamentale per prevenire le malformazioni, ma poche mamme sanno cosa mangiare davvero

Anche i futuri papà, anche le donne che non hanno ancora avuto figli o non intendono averli sanno quanto conta la dieta giusta durante la gravidanza. È uno strumento fondamentale non soltanto per tenere sotto controllo il peso della futura mamma e del bambino, ma anche per prevenire le malformazioni del nascituro (come la spina bifida o il labbro leporino), perché consente all’organismo della donna di assicurare al piccolo tutte le sostanze nutrienti più importanti e di tenerlo lontano, nello stesso tempo, da quelle più pericolose.

 

 

Lo studio
Eppure le future mamme italiane commettono parecchi errori: non assumono ferro e folati nelle quantità necessarie, mentre eccedono con zuccheri e vitamina A, prediligendo alimenti di origine animale e grassi saturi.
A rilevarlo è uno studio del Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, pubblicato su una rivista dell’Istituto superiore di sanità (Iss).

 

 

Le sostanze sì e quelle no
Folati e altri nutrienti possono essere infatti strettamente legati al rischio di difetti congeniti ed è stato dimostrato che le donne che adottano la dieta mediterranea hanno un rischio ridotto di nascite con spina bifida e labiopalatoschisi (più comunemente conosciuto come labbro leporino).
Tuttavia, in base ai dati presentati, micronutrienti come ferro, calcio e folati sono al di sotto dei livelli di assunzione di riferimento: il ferro copre solo il 50% della raccomandazione, e i folati l’80%, mentre la vitamina A è al di sopra dei livelli raccomandati.

 

 

Gli errori più diffusi
La dieta delle future mamme è sbilanciata a favore di cibi di origine animale, grassi saturi e zuccheri solubili. Bassi invece i consumi di alimenti di origine vegetale, come cereali, legumi, frutta e verdura, tipici della dieta mediterranea.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}