• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.480 visite

Cure prenatali

Tutto ciò che bisogna fare per assicurarsi una gravidanza serena

Cure prenatali

Un’ adeguata preparazione e cure prenatali adeguate sono le chiavi per affrontare la gravidanza in piena efficienza e serenità e garantire al bambino una crescita felice. Infatti, è ormai universalmente accettato che sia questo l’unico modo per creare le condizioni ottimali alla nascita. Per molte donne, frequentare i corsi di preparazione al parto è un’occasione per condividere la propria esperienza con altre madri, discutere con medici e ostetriche, scoprire aspetti sempre nuovi riguardo alla maternità, acquisire una maggior consapevolezza della situazione che dovranno vivere. Sebbene seguano un programma fisso, i corsi offrono comunque l’opportunità di trovare una risposta ai propri interrogativi e di raccogliere informazioni utili per scegliere il tipo di parto più consono alle proprie aspirazioni.

Il consiglio del medico

il consiglio del medicoNon appena sospettate o avete la certezza di aspettare un bambino, recatevi dal ginecologo. Questi vi domanderà innanzi tutto la data dell’ultima mestruazione, a partire dalla quale stabilirà la data presunta del parto.
A seconda del ritardo rispetto al ciclo il ginecologo vi sottoporrà a un test di gravidanza, che potrebbe essere un esame delle urine, o un esame del sangue, se avete mancato almeno una mestruazione. Vorrà comunque accertarsi del vostro stato, anche nel caso in cui abbiate eseguito voi stesse il test in casa. La prima visita riveste particolare importanza poiché fornisce alla futura madre l’opportunità di affrontare per la prima volta il problema del parto. In questa occasione possono emergere divergenze tra voi e il medico in quanto il ginecologo potrebbe rifiutarsi di seguire pratiche a cui non è abituato. Se siete assolutamente convinte delle vostre preferenze in materia di gravidanza e parto, ma temete di farvi schiacciare dall’autorità del medico, fatevi accompagnare dal vostro partner o da un’amica che, con la loro presenza, vi diano il sostegno necessario per affermare la vostra volontà.
Se avete un’età superiore ai 35 anni o nella vostra famiglia ci sono state precedenti malattie genetiche, potreste essere sottoposte al test dei villi coriali. Questo esame dovrebbe essere eseguito intorno alla 10a-12a settimana, perciò chiedete per tempo l’eventuale prescrizione al vostro ginecologo. Parlate con il ginecologo per ottenere il maggior numero possibile di informazioni, fatevi consigliare pubblicazioni e testi per  approfondire le vostre conoscenze in materia. Se il vostro ginecologo, per qualunque motivo, non avesse la possibilità di seguirvi, chiedetegli di indicarvi un collega che vi possa assistere sia prima sia durante il parto. Se invece desiderate partorire in casa rivolgetevi direttamente a un’ostetrica o ad una delle associazioni che organizzano e seguono i parti a domicilio. In alternativa potete affidarvi alle cure ambulatoriali presso un qualunque ospedale della vostra città.

Visite ambulatoriali

Visite ambulatorialiDopo aver accertato il vostro stato di gravidanza, il ginecologo pianificherà la sequenza delle cure prenatali a cui dovrete sottoporvi.  Molto dipende dal tipo di parto che desiderate. La maggior parte del lavoro può essere svolta da ambulatori specializzati nell’assistenza prenatale, che spesso sono collegati con centri ospedalieri più grandi ma hanno tempi di attesa minori. A volte infatti, per essere visitate nell’ambulatorio di un grande ospedale occorre aspettare a lungo.
Comunque oggi viene data sempre maggior importanza al decentramento, perciò probabilmente dovrete recarvi in ospedale più di una volta solamente se esiste qualche ragione medica specifica per essere visi tatti da un ginecologo o se avete bisogno di cure particolari; per esempio, se avete la pressione alta, un possibile segno di pre-eclarnpsia , o se avete qualche malattia pregressa come il diabete.
Corsi di preparazione al parto Potete informarvi sui corsi di preparazione al parto presso il consultorio o l’ospedale.Partecipare ai corsi insieme al vostro compagno può essere piacevole, oltre che utile. Incontrerete altre coppie che aspettano un bambino nello stesso periodo in cui lo aspettate voi e potrete confrontare le vostre esperienze.

Consigli tra le visite ambulatoriali

Consigli tra le visite ambulatorialiPer cercare di ingannare il tempo nel migliore dei modi nelle lunghe attese prima di ogni visita seguite uno di questi consigli:

  • portate con voi un’amica, un libro o il lavoro a maglia
  • portatevi uno spuntino in caso non possiate recarvi in un bar o il distributore automatico non funzioni
  • prendete nota di tutte le domande che volete porre e non tralasciate qualunque aspetto sia per voi motivo di preoccupazione
  • se avete un altro figlio non portate lo con voi ma trovate il modo di lasciarlo a casa, onde evitare che cominci a fare i capricci e vi innervosisca.
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}