• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

391 visite

Con il pesce in gravidanza, il bebè sarà più intelligente

Una ricerca britannica sovverte precedenti studi che consigliavano di limitarne il consumo per evitare l’assorbimento di mercurio

Mangiare più spesso pesce durante la gravidanza aiuta ad avere figli più intelligenti. E’ la conclusione alla quale sono arrivati i ricercatori dell´università di Bristol su indagine su novemila famiglie britanniche sovverte il risultato di un precedente studio americano che suggeriva di limitare più possibile il consumo di prodotti ittici per paura di assorbire il mercurio dovuto all´inquinamento dei mari.
Lo stesso suggerimento arrivava anche dalla Food Standards Agency, l´Ente britannico per l´alimentazione,che aveva sposato la teoria Usa e consigliava di non mangiare carne di squalo, pesce spada, merlino e tonno in quanto potevano contenere alti livelli di mercurio.
Un ridotto consumo di prodotti ittici, avvertono i ricercatori, potrebbe far mancare il nutrimento essenziale alla formazione del cervello del nascituro.
Gli scienziati hanno messo in comparazione la quantità di pesce mangiata da madri incinta con lo sviluppo del cervello dei loro bambini fino all´età di otto anni. Il risultato? I figli, le cui mamme avevano mangiato più prodotti di mare avevano sviluppato non solo capacità motorie più avanzate ma anche migliori abilità comunicative e di socializzazione. Non solo, ma all´età di otto anni i bambini avevano raggiunto un ottimo livello di comunicazione verbale.
Quale il motivo di questo successo? Il pesce è la fonte principale di Omega-3, vitale per lo sviluppo del sistema nervoso, e per garantire un ottimo stato di salute del cuore. Gli effetti benefici poi, non finiscono qui perché diversi studi dimostrano che il consumo di pesce sarebbe un valido coadiuvante per ridurre il rischio di asma, demenza, depressione, artriti e dolori reumatici

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}