• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.770 visite

Come smettere di fumare senza ingrassare

Le 4 regole d’oro per la dieta dell’ex fumatore

C’è chi non smette di fumare perché ha paura di ingrassare. E chi continua a fumare per dimagrire, considerando la sigaretta come una dieta. E’ vero che dire stop alle sigarette fa ingrassare? e se si,esistono rimedi prevenzioni o alternative?  E qual è Ecco le 4 regole per la dieta dell’ex fumatore.

 

Stop alle sigarette perché e quanto si ingrassa

Per cominciare, bisogna chiarire cosa provoca sul nostro organismo la dipendenza del fumo e, al contrario, l’interruzione di questa dipendenza. Lo spiega il dott. Massimo Gualerzi, cardiologo della Fondazione don Gnocchi di Parma e all’Università di Parma, esperto di prevenzione e riabilitazione cardiometabolica.

 

Leggi anche: Dimmi come fumi e ti dirà come smettere

 

Intanto bisogna sfatare il mito dell’ingrassamento; chi smette di fumare può anche aumentare di peso, ma mediamente di un paio di chili non di più. Se si ingrassa di più significa che ci sono comportamenti ingrassanti che non hanno nulla a che vedere con la decisione di smettere e che si possono correggere.

C’è poi anche un leggero ingrassamento benefico. Infatti, il fumo inibisce la crescita muscolare. Smettendo di fumare viene meno questo freno allo sviluppo muscolare la cui massa aumenta e quindi può avvenire un aumento del peso dovuto all’aumento di massa magra; si tratta dunque di un aumento di peso fisiologico e benefico.

Inoltre, la nicotina contenuta nelle sigarette è un anoressizzante, accelera cioè il transito dei cibi a livello dei tessuti adiposi e quindi toglie un po’ l’appetito.

Infine chi smette può ingrassare anche per un altro motivo: il maggior tempo a disposizione dell’alimentazione ed il cambiamento dello stile di vita alimentare. Dunque occorre seguire la dieta dell’ex fumatore, saziante ma non ingrassante..

 

Leggi anche: Smettere di fumare, perchè è così difficile

 

Come smettere di fumare senza ingrassare

L’alimentazione , insieme ad una moderata attività fisica sono i due alleati più importanti di chi vuole smettere di fumare. Ecco le 4 regole d’oro da seguire nella dieta dell’ex fumatore

  1. I cibi dell’ex fumatore: inserire nella dieta cibi che contengono molta acqua, come frutta e verdura, tenendo presente che frutta e verdura servono molto anche per saziare, quindi anche a farci sentire meno il bisogno di fumare, associato nella nostra precedente vita da fumatore all’accensione della famosa ( e micidiale) sigaretta dopo pranzo.
  2. Le carni dell’ex fumatore: ridurre e sostituire gradualmente la carne rossa( bistecche, filetti, hamburger ecc) con la carne bianca ( pollo, tacchino, ecc)
  3. Le bevande dell’ex fumatore: tra le “bevande-no”, eliminare gradualmente ma con l’obiettivo di cancellarli del tutto alcolici e caffè perchè richiamano la voglia di fumare, sia dal punto di vista organico che prisologico-comportamentale ( la famosa e micidiale sigaretta dopo il caffè). Tra le “bevande- si”, un posto d’onore va al tè verde perché ha una doppia azione : idratante, perché che elimina tutti i residui della nicotina che è una sostanza idrosolubile e più ne beviamo più le eliminiamo; ma poiché ha anche la teina, può sostituire l’effetto eccitante che dava la nicotina.
  4. I centrifugati dell’ex fumatore: Può essere utile anche per iniziare la giornata e si può fare con il sedano, che contiene molti liquidi e molti anti ossidanti, la mela che riduce i depositi di grasso, l’ananas con la sua azione antiinfiammatoria e un po’ di zenzero che stimola in metabolismo.

 

Sapresti smettere di fumare? Scoprilo con IL TEST

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}