• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

957 visite

Cambio di stagione, 5 consigli per gestire armadi e non cadere in depressione

cambio di stagione

Il cambio di stagione è come l’Imu o l’irpef: la vorremmo evitare. Ma purtroppo arriva puntuale sempre nella stessa data.
Il fatto è che in primavera ed in autunno si ripresenta puntuale come un orologio svizzero ad imporci il fatidico rivoluzionamento degli abiti nell’armadio, proprio nel momento in cui ci sentiamo più stanchi, irritabili ed anche un po’ depressi.
Perchè ci sentiamo così. E come affrontare la prova e superarla indenni? Ecco alcuni consigli di medici ed esperti consultati da Staibene,.it

 

 

Cambio di stagione e salite: i 5 sintomi del disagio

 

L’arrivo dell’autunno o della primavera agisce sulla salute e sulla psiche di ognuno di noi in modo differente. Ma molti italiani – le statistiche parlano del 20%, ovvero 1 su 5 – soffrono di una vera e propria sindrome che si presenta in questi momenti dell’anno, ben riconoscibili perchè evidenti con 5 sintomi:
1. stanchezza e spossatezza;
2. difficoltà di concentrazione;
3. sonnolenza;
4. irritabilità;
5. leggera depressione

Se li state vivendo sappiate che si tratta della SAD ovvero del disturbo affettivo stagionale generato dagli effetti del cambio climatico sul sistema endocrino.

Spiega la dottoressa Laura Caminiti esperta in materia: I cambiamenti climatici influiscono sempre e su tutti, indipendentemente dall’età. Semplicemente alcuni individui sono più sensibili di altri e manifestano maggiore difficoltà a gestire il disagio legato ai cambiamenti che il passaggio stagionale porta con sé.

 

Leggi anche: Come svegliarsi senza fatica: 8 regole “doc”

 

direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}