• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.125 visite

Bevi poco? Cosa rischi se sei disidratato

In Italia si beve poco , meno del necessario e l’autorità europea sulla sicurezza alimentare mette in guardia sui rischi della disidratazione. Eccoli uno per uno.

Non tutti hanno ben chiaro  quali rischi corre il corpo umano quando l’organismo è disidratato.

Bere acqua è tra più rilevanti ed essenziali funzioni naturali di cui ha bisogno l‘organismo umano, un bisogno primario che non dovremmo mai decidere o pensare per eseguirla in quanto legata all’istinto vitale di autoconservazione.

Eppure,  per molti italiani  non è così; di bere proprio non ne hanno voglia, devono forzarsi e deciderlo a volte contro la loro stesa volontà.

La prova? Viene dalle  statistiche: mentre il fabbisogno d’acqua quotidiano viene fissato dall’autorità europea dell’alimentazione in  2,5 litri al giorno,  mediamente gli italiani bevono appena 1,3 litri ed una buona metà non supera 1 litro al giorno.  Il rischio al quale si va incontro si chiama disidratazione, una sorta di essicazione progressiva che danneggia gli organi interni a cominciare dai reni, stomaco e cuore.

 

Quanto bevono gli italiani

Le statistiche (Vedi sondaggio Ecoseven, 2011) indicano che gli italiani  nel 2014 hanno bevuto  il 7,5% in più rispetto al 2013,  con un aumento che avvantaggia i liquidi più sani  ( + 8% per i succhi di frutta e + 5% per l’acqua minerale) rispetto a quelli meno sani ( + 3,5% per le bevande gassate e nessun aumento per vino e birra).

Ma nonostante queste cifre, in assoluto gli italiani sono uno fra i popoli che bevono meno;  quei 1,3 litri d’acqua al giorno censiti come consumo medio e il risultato di   consumi molto polarizzati: il 50% beve infatti più di 2,5 litri   e un altro 50% appena 1 litro d’acqua al giorno.  Poiché il fabbisogno d’acqua quotidiano è pari a 2,5 litri  risulta chiaro che siamo anche un popolo di disidratati.

 

Leggi anche : Quanto dovremmo bere ogni giorno

 

Cosa rischia la salute se non beviamo

Secondo l´European Food Safety Authority (Efsa), l´Autorità europea per la sicurezza alimentare, l’organismo umano può sopportare senza subire danni  una perdita di liquidi quotidiana pari all’1% del peso corporeo, cioè per un peso medio di un uomo di 75 chili e di una donna di 55 chili, tra 0,5 e 0,75 litri d’ acqua al giorno. Se si va oltre il corpo umano va incontro a disidratazione che, se protratta per lungo tempo comporta rischi seri per la salute.

Tra questi i rischi che derivano dal blocco della sudorazione, una reazione  naturale di difesa dell’organismo tendente a risparmiare il poco liquido ancora presente. Ma sudare poco provoca  una conseguenza che si chiama ipovolemia, ovvero la perdita di volume di sangue molto rischiosa se pensiamo che il sangue è il veicolo dell’ossigeno in tutti gli organi ed i tessuti  interni.

Un altro rischio è il cosiddetto colpo di calore, ovvero problemi di regolazione della temperatura corporea.  Si rischia anche la iponatremia, cioè  il calo di sodio nel sangue che in medicina è associato a cui l’insufficienza cardiaca congestizia, l’insufficienza renale, la cirrosi ed insufficienza epatica e la polmonite.

Altre conseguenze possono riguardare disturbi gastrointestinali,  disturbi alle funzioni renali,  allucinazioni e infarto.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}