• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

811 visite

Zanzare tigre: 6 regole per neutralizzare le punture

Come affrontare l’invasione delle zanzare d’estate, dalla Val Padana alle zone costiere

Le zanzare sono il fastidio numero uno dell’estate. Ma se vogliamo difenderci al meglio, dobbiamo cominciare a pensarci senza indugio. Anche perché sembra proprio che da qualche anno l’invasione massiccia dela zanzara tigre va considerata una fastidiosa piaga di cui non si riesce a fare a meno, almeno nella stagione.

Città e luoghi più a rischio
Secondo Vincenzo Girolami, professore ordinario di entomologia agraria della Facoltà di Agraria presso l´Università di Padova, “visto il lungo inverno appena passato, quest´anno molto probabilmente sarà posticipato il proliferare degli insetti. E´ soprattutto a partire dal mese di  luglio che, con l´arrivo del vero caldo, la presenza si fa più massiccia in molte specie, mentre alcune come la zanzara tigre si diffondono già da maggio, con dei picchi notevoli verso la fine dell´estate.
Per quanto riguarda le zanzare, le zone maggiormente interessate saranno quelle pianeggianti, come la Pianura Padana, in cui d´estate si raggiungono temperature più alte e più elevati tassi di umidità, e le aree costiere. Le città non saranno esenti, soprattutto laddove si trovano canali sotterranei che hanno sbocchi sulla strada, luoghi che possiedono le caratteristiche ottimali per la proliferazione delle zanzare.

Più di una semplice seccatura
“Gli insetti sono più di una semplice seccatura e devono essere presi seriamente in considerazione, dati i problemi che possono causare dal punto di vista igienico”, prosegue il professor Girolami. “Per questo è importante proteggere la casa, perché un ambiente privo di insetti offre condizioni migliori di benessere per tutta la famiglia. Gli insetti possono causare vari tipi di disturbi, o persino contribuire allo sviluppo di allergie nelle persone più sensibili”.

Come difendersi

Come possiamo evitare di farci trovare impreparati proprio in questo periodo in cui la loro presenza è più massiccia? Prosegue il professor Vincenzo Girolami: “Per limitare la presenza e l´attività delle zanzare nelle nostre case o nel giardino esistono alcune semplici ma importanti regole:

  1. Curare molto l´igiene personale, soprattutto per contrastare il sudore.
  2. Evitare abiti dai colori scuri (questi ultimi attirano con maggiore frequenza le zanzare) e indossare vestiti preferibilmente bianchi soprattutto dopo il tramonto.
  3. Indossare quando possibile maglie a maniche lunghe, pantaloni, scarpe e cappelli: questo permette di ridurre al minimo l´esposizione della pelle.
  4. Evitare l´uso di profumi alcolici, deodoranti o lacche per capelli: il loro profumo attira gli insetti.
  5. Dato che le zanzare per riprodursi hanno bisogno di acqua, una delle principale norme di prevenzione è quella di evitare in casa o in giardino qualsiasi – anche piccolo – bacino di acqua stagnante: in casa, ad esempio, è consigliabile cambiare regolarmente l´acqua ai fiori recisi e svuotare i sottovasi.
  6. Dotare le finestre dell´abitazione di zanzariere, che consentono di mantenere arieggiati gli ambienti lasciando le finestre aperte anche con la luce accesa nelle serate estive.
Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}