• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

16.763 visite

Vuoi dimagrire davvero? 4 cose da non fare mai

Seguire una dieta è faticoso, non complicare le cose

Vi suonano familiari luoghi comuni come questi: “Mai mangiare subito prima di andare a letto”, “se vuoi dimagrire in fretta, salta un pasto”, “mangia sempre alla stessa ora, se vuoi perdere peso”? Sembrano regole lapalissiane e veritiere. Invece sono in parte mezze verità, in parte falsi miti, molto più spesso teorie prive di fondamento: più nocive che benefiche.

Cerchiamo di capire allora quali “false verità” evitare se si vuole dimagrire davvero, in fretta e bene.

1) Mangiare la sera non fa ingrassare
Quel che fa guadagnare peso non è il momento in cui si consuma un pasto, ma il totale delle calorie che si consumano durante l’arco della giornata. Non conta assolutamente a che ora assumete quelle calorie. Va fatta, però, una precisazione: a fine giornata la stanchezza potrebbe far vacillare la vostra determinazione a seguire la dieta e potreste essere indotti a consumare alimenti più calorici che in altri momenti della giornata. Insomma: tenete d’occhio calorie e porzioni, ma sentitevi liberi di mangiare quando volete.

2) Rispettare per forza gli orari non è così determinante
Attenersi a orari precisi per i pasti può aiutare a controllarsi, ma forzarsi a mangiare se non si ha fame rende più difficile la dieta. Se siete costretti a mangiare a una determinata ora, come per esempio accade per la pausa pranzo in ufficio, ritagliatevi qualche spazio tutto per voi, in modo da poter avere il giusto relax durante la giornata, e mangiate solo quando è il vostro stomaco a richiederlo. In sostanza: mangiate quando avete fame e non quando lo dice l’orologio.

3) Saltare un pasto non aiuta a dimagrire. Tutt’altro…
Se salterete un pasto nella speranza di vedere scendere l’ago della bilancia, aspettatevi un’amara sorpresa: arriverete affamati al pasto successivo e mangerete più del consentito. Non solo, saltare i pasti porta a un abbassamento del metabolismo che vi farà bruciare meno calorie. Insomma, è inutile. Attenetevi ai cinque pasti consigliati dal dietologo (colazione, pranzo, cena più merenda e spuntino).

4) Le calorie non sono affatto tutte uguali
Per raggiungere le 1.400 calorie previste dalla vostra dieta, non fa differenza, per esempio, quanto formaggio mangiate. Quello che conta davvero sono gli alimenti che più danno un senso di sazietà, oltre che esser più ricchi di alcuni nutrienti. Per fare un esempio: 100 calorie di una mela valgono di più delle 100 calorie di una fetta di pane bianco. Per sentirvi sazi, quindi, consumate cibi ricchi di fibre e acqua come la frutta e le verdure.

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}