• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

VIDEO – Tappo di cerume, che fare se non ci senti

Il tappo di cerume è uno dei fastidi più diffusi specie nella bella stagione. Cos’è, a che serve, come evitare che venga e come fare per rimuoverlo senza rischi d’infezione e per i timpani

E’ uno dei disturbi  più diffusi che colpiscono le orecchie, specialmente nella bella stagione, quando facciamo il bagno al mare o in piscina.
Parliamo del tappo di cerume che si forma nelle orecchie e ci  fa sentire ogni voce o rumore attutiti, ovattati, in pratica, quasi per niente.
Sappiamo tutti di che si tratta; il cerume è una secrezione giallastra prodotta dalle nostre orecchie anche quando non vogliamo. La consideriamo con fastidio come indice di una scarsa igiene ed invece non lo è. Anzi, l’orecchio lo produce naturalmente per mantenersi morbido e umido e con il suo Ph acido fa anche da barriera ai batteri che ci difendono dalle infezioni.
Solitamente ce ne liberiamo con lo sbadiglio, con la risata, masticando. Ma a volte si indurisce e fa da tappo.

Come rimuovere il tappo di cerume
Che fare? Ecco qualche rimedio:

  1. qualche goccia d’olio per neonati o anche d’oliva nell’orecchiio per ammorbidirlo, poi cadrà da solo;
  2. utilizzate i coni sciogli-cerume che si comprano in farmaci;
  3. spuzzo  a getto di acqua tiepida nell’orecchio, con  lo schizzettone monouso;
  4. vietato inserire nell’orecchio ferretti per la rimozione o i cottonfioc: i primi sono pericolosi per il timpano i secondo compattano il cerume e ne impediscono l’espulsione.

E se tutto questo non basta, c’è la visita dell’otorino.

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}