• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

VIDEO – Starnutisci? I 6 organi che rischiano di più

Pochi sanno cos’è uno starnuto, perché viene e soprattutto quali rischi comporta per la salute quando lo tratteniamo. Ecco i 6 organi che rischiano di più e 2 modi per fermarlo

Se non vogliamo correre il rischio di Monique Jeffrey, l’australiana che per uno starnuto troppo forte, spostò 2 vertebre e rimase temporaneamente paralizzata, è meglio imparare a gestire lo starnuto.

Lo starnuto è la reazione spontanea del nostro organismo quando sostanze irritanti attivano i recettori del nervo trigemino che abbiamo nel naso, nella bocca e nella faringe.

Se arriva ci sono 2 modi per fermarlo:

1.      forte pressione del dito sul labbro superiore o sul naso o sugli occhi

2.      Respiro profondo dalle sole narici

Ma a volte non basta ed allora accade che  proviamo a frenarlo. Però secondo i medici è un errore perché lo starnuto provoca un forte aumento della pressione interna che mette a rischio 6 organi anche vitali:

7.      gli occhi, con l’aumento della pressione oculare;

8.      il naso, con la rottura di capillari;

9.      le orecchie, con danni  temporanei all’udito

10.   le vertebre cervicali, che possono addirittura spostarsi

11.   il  diaframma

12.   ed il cervello.

I rischi sono più alti per chi ha malformazioni nei vasi sanguigni o patologie alle pareti dei vasi. Più bassi o rari per chi sta in buona salute. Ma è bene conoscerli e soprattutto lasciar sfogare lo starnuto, magari proteggendo la bocca.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}