• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

9.334 visite

Verdure in pinzimonio? Tutte le virtù che non sapevi

Perché il pinzimonio fa bene alla dieta ed alla salute? E cosa vuol dire magiare in pinzimonio? E quali salse sono più adatte? Tutte le risposte al modo più salutare di mangiare le verdure.

Verdure in pinzimonio? Tutte le virtù che non sapevi

Il modo migliore per  non perdere  i benefici per la dieta e la salute è mangiare le verdure in pinzimonio, quel particolare modo di gustarle  crude, intinte in salse naturali che ne amplificano i vantaggi.

Ma  perché il pinzimonio fa bene alla dieta ed alla salute? E cosa vuol dire magiare in pinzimonio? E quali salse sono più adatte?

 

Cosa vuol dire mangiare in pinzimonio

Per motivi igienici e per evitare parassiti o fertilizzanti  tutti noi mangiamo generalmente le verdure cotte e così facendo evitiamo molti rischi. Ma bisogna ammettere che, perdiamo gran parte delle  proprietà nutritive delle verdure e degli ortaggi che se ne vanno insieme alla cottura.

Con il pinzimonio invece le proprietà nutritive le  ingeriamo interamente. Ed allora vediamo in cosa consiste questo particolare modo di mangiare.

Per pinzimonio si intende un condimento  preparato per condire verdure crude, generalmente  a base di olio d’oliva, sale e pepe, servito in una ciotola in cui vanno intinti gli ortaggi.

Le verdure in pinzimonio vengono servite generalmente come contorno o antipasto molto leggero e disintossicante, perfetto  sia d’estate che d’inverno, quando magari non ci si vuole appesantire con piatti troppo elaborati, ma non si vuole rinunciare a un antipasto sano e gustoso.

Il pinzimonio ha anche un  effetto depurativo per l’organismo, ed è ideale quando vogliamo  seguire  una dieta o semplicemente mantenerci più leggeri.

 

Leggi anche: Pizza a taglio: “occhio” ai condimenti

 

(segue)

Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}