• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

804 visite

Vacanze, come prevenire ed affrontare gli infortuni del viaggiatore

Valigie troppo pesanti, posture sbagliate in auto, letti e cuscini “nuovi”….

Quando si parte per una vacanza, spesso non si mettono in preventivo. Ma certi infortuni collegati al viaggio rischiano di mettere a repentaglio quanto meno i primissimi giorni delle ferie. Lasciando il vacanziere a letto, in preda al torcicollo, al colpo della strega, alle spalle infiammate e chi più ne ha più ne metta.

 

 

Rischio concreto

La colpa? Tra valigie troppo pesanti, letti e cuscini nuovi a cui non siamo abituati e interminabili spostamenti in auto o treno, che costringono a posture scorrette per troppo tempo, i responsabili sono tantissimi. “E´ il rischio concreto che si corre se si rimane vittima di stiramenti improvvisi al livello della colonna cervicale, causati da pesi notevoli e da posizioni errate che si assumono viaggiando in macchina per lungo tempo”, spiega Sandro Rossetti, ortopedico e medico dello sport, responsabile della Divisione di Ortopedia e Traumatologia dell’ospedale San Camillo di Roma.
“La scena del papà che cammina con la figlioletta in braccio, e magari spingendo le valigie enormi di tutta la famiglia, che poi caricherà e scaricherà dalla macchina, di solito è seguita da lui costretto immobile a letto o sul divano, nonostante sia in vacanza, per uno stiramento muscolare della colonna cervicale, sottoposta a un carico esagerato o a una trazione anomala.

 

Leggi anche:  I documenti sanitari per il viaggio: promemoria per distratti

 

Il ritiro bagagli all´aeroporto

“I danni legati ai bagagli troppo pesanti si possono manifestare anche nel caso di uno stiramento e allungamento violento del plesso nervoso che è a fianco della colonna cervicale e che poi va a determinare l´utilizzo dei muscoli della spalla e del braccio”, continua Rossetti. “Pensiamo allo strattone che il nostro braccio o la nostra colonna cervicale subiscono ogni qualvolta afferriamo la valigia dal tapis roulant dell´aeroporto: mentre il tappeto gira noi arpioniamo il bagaglio e dobbiamo, con uno sforzo piuttosto secco e rapido, portarlo fuori dal tappeto. Questo sforzo violento e in posizioni sbagliate può determinare un brutto stiramento delle fibre neuromuscolari del collo. Il risultato è una sofferenza dei muscoli cervicali con parestesie a volte anche del braccio e, nel caso, anche il risveglio di un´artrosi cervicale latente.

 

Leggi anche: Come prepararsi al viaggio senza dimenticare nulla

 

( segue)…

 

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}