• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.340 visite

“Mal di scuola”, i segnali che lanciano i bambini

Come influisce sul carattere dei bambini il disagio verso libri e quaderni

Se  domandate a chiunque cos’è il mal di scuola, vi risponderanno  a stragrande maggioranza che è quel malessere che  colpisce chi con i libri non va troppo d’accordo ed al solo avvicinarsi all’idea di stare ore a  lezione, o a studiare o  ad affrontare la maestra o la professoressa, si sente davvero male.

Ed invece non è sempre e del tutto così, perché la sindrome colpisce situazioni molto diverse e a volte apparentemente  che non direste mai siano il segno di un disagio.

Qualche esempio?  Per esempio bambini estroversi e dal carattere socievole, che di punto in bianco iniziano a buttarsi a capofitto su libri e quaderni, rinunciando senza problemi alle uscite al parco e ai giochi con gli amici.

Oppure, coetanei che all´improvviso diventano nervosi e irritabili, iperattivi o aggressivi.

E altri ancora che si chiudono in casa, isolandosi da tutti e smettendo di confidarsi con coetanei e genitori.

Cosa c´è dietro questi mutamenti repentini nel carattere di alunni e studenti? Con buone probabilità, proprio un forte “mal di scuola”.

 

Leggi anche: Come capire lo stress dei figli

 

Secchioni e prepotenti
“Spesso dietro al secchione, al prepotente e al recluso si cela una forma di mal di scuola acuto, un disagio che colpisce due milioni di alunni dai 6 ai 18 anni”, spiega il pediatra Italo Farnetani, illlustrando le caratteristiche dei bambini più vulnerabili al problema.

“Il disagio”, continua lo specialista, “si manifesta spesso all´inizio dell´anno scolastico. In particolare quando si cambia ciclo: dunque in prima elementare, prima media o prima superiore.

Il mal di scuola è un disagio molto studiato negli ultimi 30 anni. Ormai anche i genitori sanno che, quando il bambino presenta dei sintomi particolari, come un mal di pancia che va e viene, un dolore alla testa intermittente, inappentenza e difficoltà a prendere sonno, spesso dietro c´è un disagio legato al mal di scuola.

La paura, che è all´origine del problema, provoca al bambino uno stress consolidato, che nel tempo apre la strada alla comparsa dei sintomi fisici”.

 

Leggi anche: Come far amare la scuola ai bambini

 

I segnali di allarme
Ma esistono dei campanelli d´allarme per i genitori, “degli improvvisi cambiamenti nel comportamento del bambino, che possono indicare la presenza di un problema e la necessità di un intervento” in grado di disinnescare il mal di scuola all´origine.

“Bisogna fare particolare attenzione a ogni cambio di ciclo”, sottolinea Farnetani, “e all´inizio dell´anno scolastico. Ogni cambiamento nell´atteggiamento del bambino non deve essere trascurato, anche se sembra che sia in meglio.

In genere, infatti, le femmine reagiscono alla paura della scuola impegnandosi di più. Questo vuol dire che studiano parecchio, anche troppo, per arrivare preparate al meglio e vincere così il timore di verifiche e interrogazioni”. Un atteggiamento da secchiona che “non deve essere sottovalutato da mamma e papà: l´eccessivo impegno crea aspettative elvatissime, e anche una piccola delusione rischia di mandare in crisi la bambina” o il bambino.

“I maschi, invece, a seconda del carattere tendono a reagire alla paura diventando prepotenti, o chiudendosi in se stessi”. I primi, in genere più estroversi, appaiono “irritabili, nervosi e iperattivi o aggressivi nei confronti dei coetanei, e iniziano a rispondere ai genitori”.

I secondi, invece, di solito più introversi, spesso si isolano e si chiudono in casa, finendo per diventare dei ´reclusi´, inavvicinabili per tutti e molto silenziosi. E a volte si buttano sui libri, ma meno spesso rispetto alle coetanee.

 

Leggi anche: il bullismo si può vincere, ecco come

 

Sì al dialogo
“Bisogna riflettere sul fatto che non esiste un bimbo cattivo, ma un bambino con un disagio, che deve essere tranquillizzato e aiutato”, sottolinea il pediatra. “Certo, i sintomi del mal di scuola possono non essere così netti. Ma in ogni caso è bene seguire in modo attento il bambino, specie nelle prime fasi dell´anno scolastico, e aiutarlo a confidarsi e ad aprirsi. Il dialogo e il confronto sono potenti antidoti alla paura. E un intervento precoce può disinnescare lo stress che, alla lunga, porterà a galla i classici disturbi”.

 

Leggi anche: Lo sport fa amare anche la scuola

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}