• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.120 visite

Tutti i falsi miti sulla frutta

Siamo tutti convinti di conoscere bene la frutta ma ci sono falsi miti che sono duri a morire e che è bene conoscere. Eccoli.

Siamo tutti convinti di conoscere bene la frutta ma ci sono falsi miti che sono duri a morire e che è bene conoscere.

Pochi altri alimenti, come la frutta, sono infatti al centro di vere e proprie leggende metropolitane. Una sfilza di luoghi comuni che proviamo a sfatare una volta per tutte.

 

Ne puoi mangiare quanta ne vuoi
FALSO. Se è vero che la frutta non contiene grassi ed è meno calorica dei dolci, questo non significa che non contenga zuccheri. Attenzione, quindi: se nell’arco della giornata si consumano 4 o 5 porzioni di frutta, c’è il rischio di vedere salire l’ago della bilancia perché si assumeranno le stesse calorie di un piatto di pasta.

 

Leggi anche: Centrifugati di frutta e verdura, la salute vien bevendo

 

A fine pasto è l’ideale
FALSO. È vero l’esatto contrario. Perché la frutta inibisce la secrezione gastrica e quella acida inattiva gli enzimi che digeriscono le proteine, con il risultato di allungare i tempi di digestione e in più far fermentare gli amidi. Meglio dunque consumarla lontana dai pasti: sarà più facilmente assimiliabile e svolgerà al meglio la sua funzione di “pulire” l’intestino.

 

L’acidità delle arance dà problemi allo stomaco
FALSO. Il nostro corpo è in grado di mantenere un equilibrio costante tra acidità e alcalinità, visto che una piccola alterazione dell’acidità del sangue può avere effetti negativi sulle funzioni vitali. Se una persona è sana, l’alimentazione non influenza in modo significativo questo equilibrio.

 

Leggi anche: Frutta, meglio con la buccia o senza?

 

Il succo d’ananas brucia i grassi e fa dimagrire
FALSO. La verità è che il succo d’ananas contiene una sostanza, la bromelina, che favorisce l’assimilazione delle proteine e facilita la digestione.

 

 

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}