• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

8.732 visite

Tutte le patatine che puoi permetterti

Sono grasse e caloriche. Ma se proprio non resisti, ecco quali scegliere per non farsi troppo male

Tutti sanno che quando si tratta di dimagrire o di mantenere il peso forma bisognerebbe stare alla larga da patatine fritte in busta e snack salati, alimenti grassi, salati e ipercalorici per eccellenza.
Le occasioni che più mettono a rischio la linea, il fegato e la salute in generale, sono aperitivi e "happy hour" perché davanti alle mille tentazioni è difficile dire di no. Ma se errare è umano, almeno limitiamo la scelta di patatine & Co. a eventi eccezionali.
Insomma, come regolarsi se proprio non sapete (o volete) resistere alla voglia di concedervi le patatine? Abbiamo preparato per voi una sorta di classifica degli snack salati in ordine crescente: dal meno calorico al più calorico.

PETALI DI PATATE AL FORNO (390 calorie per 100 g)
I meno calorici ma spesso possono contenere arachidi, pesce, uova, crostacei, pericolosi per chi soffre di allergie. Sono a base di patata disidratata.

PATATINE CHIPS LIGHT (491 calorie per 100 g)
Hanno circa 60 calorie in meno rispetto alla versione "tradizionale". Anche queste a base di patate.

SFOGLIE BIANCHE (492 calorie per 100 g)
Assomigliano alle patatine ma il loro ingrediente principale è la fecola di patate  e non la patata.

RICCIOLI DI MAIS (515 calorie per 100 g)
Sono, appunto, a base di mais, la polenta per intenderci, e olio vegetale. Molto appetitosi ma possono pesare molto sulla bilancia. Si attestano, infatti, al terzultimo posto di questa classifica tra gli snack più calorici.

CHIPS AL FORMAGGIO (550 calorie per 100 g)
A base di semola di mais, formaggio fuso in polvere e grassi vegetali.
Il tipo alla paprika, apporta le stese calorie, ma invece che essere di semola di mais sono a  base di patate in polvere.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}