• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

4.727 visite

Adolescenti: tuo figlio sta troppo al computer? Ecco cosa rischia

Otto ore davanti al pc o alla console dei videogiochi rende i ragazzi eremiti informatici

Sono almeno 200 mila gli adolescenti italiani, fra i 13 e i 17 anni, stregati da computer, chat e videogame, tanto da passare circa 8 ore al giorno online o alla consolle della playstation. “Piccoli ‘eremiti informatici’, inconsapevoli del loro isolamento. La metà supera le dieci ore ed entra nella sindrome di Hikikomori, una devastante dipendenza che aliena il soggetto fino a renderlo indivisibile dal mondo virtuale. Tanto che in Giappone, dove per primo il fenomeno è stato descritto, ci sono casi di giovanissimi reclusi in casa, che si rifiutano persino da uscire da una determinata stanza per mesi o anni”.

Parola del presidente dell’associazione Peter Pan, Mario Campanella, sulla base di di un’indagine condotta su un campione di 560 ragazzi.

 

Leggi anche: Come si curano le malattie da computer

 

La ricerca
“Abbiamo attivato sin dal 2012 – dice Campanella – un sondaggio informatico, sia empirico che attraverso il metodo Cape, monitorando il tempo di permanenza al Pc e l’eventuale rischio di dipendenza. Sono stati presi come riferimento i comportamenti abituali dei ragazzi di Roma, Napoli, Milano, Palermo, Catania e Torino, attraverso un questionario elaborato secondo le indicazioni di massima di Tamaki Saito, lo psichiatra nipponico che individuò questa patologia sociale in Giappone e dai cui studi è emersa una percentuale di giovani colpiti pressoché identica in tutto il mondo alfabetizzato”, spiega Campanella.

“Le domande – prosegue l’esperto – erano tendenzialmente cinque: quante ore passi davanti al Pc? Quante ore davanti alla playstation? Quante ore esci durante la settimana? Qual è il tuo rendimento scolastico? Quali sensazioni provi se ti trovi lontano dal Pc?

 

Leggi anche: Internet e bambini: ora si naviga anche a 7 anni e mezzo. I rischi per i bambini

I risultati

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}