• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.969 visite

Tonno, ecco perché non deve mancare nella dieta

Anche in scatola, all’olio di oliva o al naturale, è una fonte di nutrienti importanti

Un tempo la qualità del tonno si misurava con il grissino. Oggi gli strumenti per capire se il tonno in scatola è davvero buono sono molti di più. Perché sono aumentate le varietà sul mercato, perché le confezioni sono sempre più pratiche e “salva igiene”, perché si può perfino scegliere in base al tipo di trattamento a cui viene sottoposto.
Per le sue proprietà nutrizionali, il tonno è fondamentale in ogni dieta. Il problema, semmai, è proprio capire come orientarsi tra le mille varietà in commercio.

 

Leggi anche:  I cibi dove trovi  la maggiore quantità di Omega 6

 

Le caratteristiche del tonno

Nello scegliere il tonno, bisogna tener conto di tanti fattori: la qualità, la preparazione, la conservazione. E poi la provenienza del pesce, Mediterraneo od Oceano Atlantico, e la lavorazione: il tonno può essere preparato subito nel luogo dove viene pescato o surgelato e poi trattato a terra.
Non basta: anche le parti del pesce possono essere diverse: la carne può essere scelta dal dorso, più consistente e meno grassa, o dalla pancia, la ventresca, più tenera, dove sono concentrati i grassi omega 3, i cosiddetti “grassi buoni” perché molto importanti per l’organismo.
Infine, la distinzione più classica: sott’olio o in salamoia? All’inizio, tutti i tonni vengono trattati con acqua e sale, il che fa scendere il pH del prodotto, rendendolo un po’ più acido e garantendo quindi una maggiore protezione dai batteri. L’olio però aumenta il peso calorico rispetto a quello al naturale (180 calorie contro 121), ma mantiene più alti i valori di calcio, ferro, potassio e fosforo.

 

Sai riconoscere il pesce fresco? Scoprilo con IL TEST

 

Quale tonno scegliere

Insomma: quale tonno scegliere? È difficile, quasi impossibile stabilirlo con certezza: dipende anche dai gusti e dalle esigenze alimentari. Questo trattamento salino può rappresentare un problema? Sì, soprattutto per chi soffre di pressione alta. Ma a quel punto, basta optare per il tonno “al naturale”. E comunque, in tutti gli altri casi in cui non ci siano preclusioni o condizioni di salute che ostacolino questo alimento, un piatto a base di tonno (magari fresco con verdure) è sano, ottimo al gusto e e facile da digerire.

 

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}