• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.434 visite

Tendinite da Whatsapp, che rischio per i fan dello smartphone

L’hanno chiamata “Whatsappite”. Ecco in cosa consiste

“Signora, lei ha una tendinite da troppo Whatsapp”.

E’ la singolare diagnosi ricevuta da una 34enne alla 27esima settimana di gravidanza che, dopo aver trascorso 6 ore di fila a digitare forsennatamente sul suo smartphone risposte ai messaggi di auguri ricevuti per Natale tramite il servizio di messaggistica istantanea via smartphone “WhatsApp”, si è svegliata una mattina con un dolore lancinante ai polsi.
Al termine dei controlli, il verdetto dei medici è stato univoco: quel dolore bilaterale è ascrivibile a un’inedita patologia, la “WhatsAppitis” in inglese o “Whatsappite” in italiano. Il suo caso è finito così sulle pagine della prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”.

 

 

Leggi anche: L’acido urico è responsabile di alcune infiammazioni

 

Lo sforzo eccessivo dei pollici
La donna è un medico dell’emergenza: durante la vigilia di Natale era in servizio e il giorno seguente si è trovata a rispondere alla lunga serie messaggi di auguri arretrati che le erano arrivati tramite il servizio di messaggistica istantanea. Ha tenuto in mano un cellulare di 130 grammi per almeno 6 ore, si legge nell’articolo, e per tutto quel tempo è stata impegnata in continui movimenti con entrambi i pollici, per digitare e inviare le risposte.

Una delle mattine successive al “tour de force digitale” la sorpresa è stata l’esordio improvviso, al risveglio, di un forte dolore bilaterale ai polsi. La paziente non ha traumi nella sua storia clinica e non è stata impegnata in alcuna attività fisica eccessiva nei giorni precedenti. L’esame delle mani ha rivelato un disagio alla palpazione della stiloide radiale e nel momento in cui muoveva i pollici. Per via della gravidanza non è stata sottoposta a radiografia. I medici che l’hanno visitata le hanno diagnosticato una tendinite. Precisamente un’infiammazione dei tendini del pollice.

 

 

Leggi anche: Cosa sono le tendiniti

 

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}