• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.152 visite

Ecco la malattia …”dei tacchi a spillo”

La sindrome dei tacchi a spillo si chiama neuroma di Civinini-Morton, colpisce le donne tra i 25 e i 55 anni. Tutto quello che c’è da sapere su uno tra i più diffusi problemi di salute del piede.

Croce e delizia del gentil sesso, i tacchi a spillo e le scarpe décolleté strette o a punta si rivelano un vero attentato alla salute del piede. Moltiplicano, infatti, il rischio di incappare nel doloroso neuroma di Civinini-Morton (dal nome dei medici che lo descrissero per primi nell´Ottocento).

La sindrome consiste nell´aumento di volume di un nervo sensitivo interdigitale, di solito quello che passa nel terzo spazio intermetatarsale, provocato da uno stimolo irritativo cronico di natura meccanica che causa la crescita di tessuto cicatriziale fibroso intorno al nervo stesso, prima della sua biforcazione alla radice delle dita.
Un vero guaio per le donne che non sanno vedersi senza le scarpe con tacco alto e forse anche un problema  per molti uomini particolarmente attratti dalle donne  che le indossano. 

Calzature inadeguate

L´allarme è stato lanciato tempo fa al termine dalla Società italiana di chirurgia del piede e della caviglia insieme con il Policlinico di Abano Terme, specializzato nella cura della sindrome di Civinini-Morton, centinaia di casi affrontati negli ultimi anni.

Chi ne è affetto lamenta una sofferenza acuta sotto la pianta del piede, con irradiazione tra le dita e dolore correlato al movimento.

Neuropatia degenerativa su base meccanica, il neuroma di Civinini-Morton colpisce prevalentemente le donne che portano calzature definite dagli esperti inadeguate. Leggi anche : Mal di piedi? ecco le cause più frequenti 

Le più a rischio hanno tra 25 e 55 anni e sono soggette a oscillazioni di peso. "La metatarsalgia neuralgica caratterizzata dal neuroma di Civinini-Morton rappresenta una sfida insidiosa per i chirurghi del piede”, spiega il professor Antonio Volpe, “le sue caratteristiche cliniche, le problematiche di imaging, le difficoltà diagnostiche ne hanno fatto una patologia spinosa, dai contorni incerti, spesso non diagnosticata o diagnosticata in modo errato".

Quando serve l’intervento

"Oggi l´affinamento delle conoscenze e delle professionalità offre un quadro più limpido”, sostiene ancora Volpe, “e la valutazione clinica dev´essere tanto accurata quanto aggiornata". Leggi anche : Quando il dolore è alle dita dei piedi

L´utilizzo dell´ecografia dinamica associata alla risonanza magnetica offre una certezza diagnostica "vicina al 100%, inoltre l´introduzione della tecnica di alcolizzazione ecoguidata sembra dare prospettive di cura decisamente migliori rispetto al passato", prosegue lo specialista.

In alcuni casi, però, non resta che il bisturi. La maggior parte degli interventi di correzione del neuroma viene compiuta ambulatorialmente, procedendo per via dorsale (e non plantare come un tempo), con minore invasività e possibilità di un più veloce recupero.

Leggi anche: Per le donne le scarpe contano più del primo bacio

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}