• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

909 visite

Spossatezza, se la causa sono i farmaci

Oltre ai motivi più strettamente legati alla salute ce ne sono altri che si possono attribuire allo stress, al fumo (che impedisce alle cellule di venire ossigenate in modo adeguato), al riposo notturno insufficiente. Ma ci sono anche moltissimi farmaci che possono dare luogo a un senso di spossatezza. Ecco un elenco di quelli più noti e per quali disturbi vengono prescritti:

  • Benzodiazepine, per ansia e insonnia
  • Beta bloccanti, per la pressione alta
  • Codeina, per la tosse
  • Lassativi, per la stitichezza
  • Metoclopramide, per i disturbi digestivi
  • Cotrimossazzolo, per le infezioni delle vie urinarie
  • Diclofenac, per l´artrite reumatoide
  • Idantoina, per l´epilessia
  • Idometacina, per i dolori reumatici
  • Ranitidina, per l´ulcera gastrica
  • Levodopa, per il morbo di Parkinson
  • Teofillina, per asma e disturbi respiratori
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}