• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

615 visite

Sport, i rischi e i vantaggi di correre a ritmo di musica

Ascoltando i brani preferiti si sente meno la fatica e si è più concentrati

La musica aiuta a migliorare il modo in cui facciamo sport?  A giudicare da quante persone corrono nei parchi con le cuffiette alle orecchie o fanno  fintess in palestra la risposta  dovrebbe essere positiva . Sono infatti la stragrande maggioranza gli atleti dilettanti che non  ne sanno fare ameno  nei parchi quando corrono, nelle sale pesi quando sollevano decine di chili, sui tapis roulant quando fanno jogging.

Ma non è tutto oro quello che luccica.  Ed infatti  psicologi e specialisti in scienze motorie stanno da tempo indagando il fenomeno  con studi che coinvolgono anche neuroscienziati per capire come stanno realmente le cose.

La ragione?  Sta nei risultati.  Perchè se i record arrivano ascoltando musica, allora tutti con le cuffiette. Ma se invece l’effetto della musica è  solo  quello di  occultare la fatica, allora scatta l’allarme, perchè potremmo superare i nostri limiti  fisici senza rendercene conto con il rischio , nella migliore delle ipotesi, di un guaio muscolare, ma nella peggiore di rimanerci per un infarto.

 

Hai un cuore ok per lo sport? Scoprilo con IL TEST

 

I  precedenti

Sono molti gli studi che hanno affrontato la questione e numerosi anche gli aneddoti che testimoniano l’importanza della questione.

Per esempio, nel 2007 fece scalpore la decisione della Federazione americana di atletica leggera che, alla vigilia della maratona di New York, vietò l’uso di auricolari riproduttori di musica portatile nelle competizioni ufficiali. Ufficialmente la decisione fu motivata dall’impossibilità per gli atleti di sentire le segnalazioni acustiche dello staff, ma  in realtà non si voleva concedere a chi si era allenato  ascoltando musica, un vantaggio competitivo nei confronti degli altri.

Che la musica abbia un effetto è indubbio. La psicologia  definisce musica motivazionale quella che consente di accompagnare prestazioni sportive con un benefico effetto generale anche per chi fa sport.

 

Leggi anche:Piscina o palestra. ecco cosa fa al caso tuo

 

Gli effetti sulle prestazioni

Ma quale sarebbe  l’effetto positivo? Fare sport ascoltando musica consente di migliorare le prestazioni e magari a puntare al record? O serve solo a dare piacere a chi fa sport ammazzando la noia?

Uno studio  condotto da Paul Elvers e Jochen Steffens pubblicato su  Frontiers Psycology  presentato nella conferenza Società britannica di Psicologia, a Londra, è  arrivato alla conclusione che migliora l’umore, aumenta la capacità del fisico  di assumersi rischi ma non migliora le prestazioni.

Secondo lo studio,  il cervello umano non è in grado di fare  bene allo stesso modo due cose….(segue)

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}