• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

475 visite

Smartphone e Tablet: occhio ai display, rovinano la pelle

Siamo il paese più chiacchierone del mondo, ed in vetta alle classifiche sul’uso di smartphone e tablet ma non sappiamo che il rischio non è solo quello della dipendenza dallo strumento tecnoolgico, e nemmeno quello delle onde elettromagnetiche che  secondo alcuni ” cuociono” il cervello; il danno  accertato ora è anche sulla nostra pelle.

La ragione?

Le radiazioni. Quelle emesse dai display dei dispositivi mobili, principalmente smarpthone e tablet, ma anche i PC. Per intenderci quelle sulle quali fissiamo lo sguardo per  8 ore al giorno in media, che  sono molto  dannose per la pelle perchè scatenano la reazione dei radicali liberi.

Come è possibile?

 

Leggi anche: Olio d’oliva? Ricostituente doc anti radicali liberi

 

I danni provocati dalla luce

“Tutta la gamma di luce visibile – spiega la dermatologa Magda Belmontesi  –  accelera l’invecchiamento epidermico dal 10 al 19% ed   aumenta nell’organismo la produzione di radicali liberi, molecole che attaccano le cellule alterandone sia le membrane, sia il codice genetico.”

Una prospettiva terribile, dunque,  che probabilmente andrebbe segnalata all’atto della vendita dei dispositivi da parte dei produttori e che invece non viene nemmeno accennata.

In pratica – spiega la dermatologa – “aumenta la possibilità che il nostro DNA venga danneggiato, perchè le cellule madri produrranno cellule figlie con codice rovinato e il fisiologico turn over della pelle non sarà più sufficiente  a rigenerarla, predisponendola all’invecchiamento anticipato”.

 

Leggi anche:Per quanto tempo vanno presi gli integratori alimentari

 

L’allarme lanciato dalla dermatologa genera non poche preoccupazioni, perchè, ( segue…)

Tag:
Bruno Costi
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}