• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

6.210 visite

L’uomo nasce monogamo o poligamo? La risposta della scienza

Avere più mogli è per l’uomo una propensione fisiologica, una prassi per millenni. E ora ne resta traccia nel Dna. Ecco le prove.

L’uomo è cacciatore e la donna deve restare devota al suo sposo… Quante volte abbiamo assistito a più o meno infuocate discussioni attorno all’inguaribile propensione del maschio verso più partner? E allora: è vero o solo una tesi rigorosamente maschilista, che l’uomo tende per natura a cercare di accoppiarsi il più possibile e non può farci nulla perché così vuole la sua essenza? Per la prima volta uno studio scientifico risponde a una domanda così delicata. E dà ragione – almeno in parte – alle tesi più sbilanciate a favore delle posizioni maschili…

 

Un’abitudine socialmente riconosciuta

La poligamia è scritta nel Dna. Non in quello di tutti gli uomini, ma in un ristretto numero di persone che ha avuto una grande tradizione di questa pratica alle spalle.

Lo rivelano le conclusioni di uno studio condotto dall´Università dell´Arizona (Usa) e pubblicato sulla rivista scientifica “Plos Genetics”. L’abitudine socialmente riconosciuta ad avere più mogli è stata seguita da molte popolazioni per decine di migliaia di anni. Conseguenza: sembra aver lasciato tracce profonde sul genoma umano.

 

Leggi anche: Come fa sesso l’uomo musulmano

 

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno analizzato il Dna di 90 persone appartenenti a sei gruppi diversi: Melanesiani, Baschi, Cinesi Han e tre diverse culture africane (Mandenka, Biaka e San). Gli scienziati hanno identificato differenze genetiche nel cromosoma X delle persone appartenenti a gruppi che praticano o hanno praticato per molto tempo la poligamia. Nessuna traccia è però stata trovata nei gruppi monogami.

 

Leggi ancheFigli illegittimi: il test del sospetto

 

La maggior parte delle società pratica la poligamia

“Non so per quanto tempo la monogamia è stata con noi”, ha spiegato Michael Hammer, coordinatore dello studio. “Ma, dal punto di vista evolutivo, non per molto tempo. La maggior parte delle società pratica una qualche forma di poligamia: anche se la maggior parte degli uomini occidentali non sposa più donne diverse, gli uomini tendono a fare figli con più donne rispetto alle donne con più uomini.

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}