• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

8.694 visite

Sesso, quanto porno sopporta la tua salute

Guardare troppi film porno incide sul cervello. Come capire il limite da non superare

porno

Internet ha portato il sesso hard alla portata di tutti e senza costo creando vere e proprie dipendenze sessuali che la medicina ha da tempo messo sotto osservazione per capirne l’effetto su di noi.

Dopo aver detto che l’eccesso di porno visivo riduce il desiderio, danneggia soprattutto la maturità dei giovani, incide sulla fertilità, ora l’ultima “verità” viene dal famoso Max Plant Institute di Berlino  dove i ricercatori hanno studiato la morfologia del cervello, le connessioni neurali e l’attività della nostra materia grigia  di un gruppo di soggetti selezionati fra forti consumatori di film  a luci rosse.

Ebbene, è emerso che  a farne le spese è  il cervello che riduce le connessioni tra un neurone e l’altro e dunque l’attività cerebrale che è correlata all’intelligenza: più attività neurale avviene nel cervello e più si è intelligenti; meno attività equivale a meno intelligenza.

 

Leggi anche: Internet proibito: cosa fare se tuo figlio naviga siti porno

 

Intanto va detto che gli osservati erano solo 64 giovani uomini e non anche giovani donne. E l’osservazione ha evidenziato che in tutti i soggetti sono stati osservati cambiamenti nel tessuto nervoso di quella parte del cervello detto “centro della ricompensa”. In poche parole,  è risultato che guardare troppi film porno rende stupidi rispetto a chi non ne guarda o ne guarda in misura moderata.

Il punto è però è proprio questo, come capire  quando la soglia da moderata diventa eccessiva? ovvero il limite da non superare, la misura del consumo dannoso di film porno?

 

 

Sei fissato con il porno? Scoprilo con IL TEST

 

( segue…)

 

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}