• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

292 visite

Sesso, perchè in Italia è arrivato il momento dei “gigolò”

Il sesso maschile a pagamento, che fino a pochi anni fa era una rarità, sembra stia aumentando vistosamente e la figura del gigolò prende corpo anche in Italia con tanto di siti, libri-confessione, clienti-donne e tariffari.

Ma il mondo della prostituzione maschile è del tutto differente da quello della prostituzione femminile. Qui generalmente non ci sono protettori, violenze, riduzioni in schiavitù o vite sfortunate.

Nei gigolò c’è consapevolezza, libera scelta e piglio manageriale con annesso training per evitare complicazioni sentimentali.

Il mondo dei gigolò all’italiana ha vissuto un momento di celebrità nel 2018 quando ha fatto notizia il caso di un sessantenne, della Versilia, pieno di clienti anche giovani, a dispetto dell’età reso famoso dalla tecnica di procurare orgasmo immediato con solo due dita.

 

Sei represso i disinibito? Scoprilo c on IL TEST

 

Ma si è trattato di un fascio di luce che ha illuminato una realtà in ombra e molto più diffusa di quanto si creda, al punto da attirare le attenzioni della stampa quotidiana .
Ne è emersa una inchiesta che ha tratteggiato il profilo della personalità dei “prostituti”, e del mondo nel quale si muovonoed anche un libro-confessione dal titolo “ Amore in contanti”scritto da, Roberto Dolce, in arte Roy, a quattro mani con Alessandro Pedrazzi, lo psicologo psicoterapeuta con cui ha dialogato.
“Il mio lavoro – spiega – è traghettare le donne verso una nuova vita e una nuova consapevolezza, sono solo un marinaio che guida la chiatta che serve ad attraversare il guado e il mio compito prevede di tornare ogni volta da dove sono partito per recuperare altre donne”.

 

 

Chi è il gigolò

Dall’inchiesta è emerso che il gigolò è…

(segue)

Tag:
Bruno Costi
Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}