• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

426 visite

Se il bebè non dorme, il genitore ci rimette la salute

Uno studio australiano: i piccoli che piangono di notte influiscono sulle condizioni psicofisiche di mamma e papà 

Il bebè che si sveglia in piena notte piangendo, buttando giù dal letto i genitori, fa male alla salute di mamma e papà. E non è solo una questione di sonno interrotto, ma di stress psicologico e danni fisici. È la conclusione di uno studio australiano, pubblicato sulla rivista “Pediatrics”, che ha messo a confronto la salute di più di 20 mila genitori di bambini in età infantile o prescolare.

 

Leggi anche: Che fare se i bebè si sveglia di notte

 

Il 17% dei bambini da zero a tre anni e il 14% di quelli da tre a sei delle famiglie studiate dai ricercatori dell´università di Melbourne, mostravano problemi di sonno da moderati a gravi. Nella totalità dei casi, entrambi i genitori dei bambini con problemi hanno mostrato uno stato di salute fisica peggiore rispetto ai genitori dei bambini sani.

 

Leggi anche: I rapporti tra suocera e nuora quando arriva il primo bebè

 

Ancora peggio è andata alle mamme, che oltre alla peggior salute fisica hanno mostrato anche segni di grave stress psicologico.
Secondo la ricerca, è più probabile che cada in depressione la mamma di un bambino con problemi nell´addormentarsi, pur senza mai avuto disturbi psicologici, che una mamma con precedenti di depressione che però ha la fortuna di poter dormire di notte.

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}