• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.142 visite

Credere in Dio fa bene alla salute, ma troppa preghiera no

La scienza studia le implicazioni della fede e della preghiera sulla salute umana e scopre insospettabili correlazioni con il benessere mentale e l’obesità che con gli atei non si verificano.

Credere in Dio fa bene alla salute mentale più di quanto accade a chi non crede; rende più felici e soddisfatti della propria vita e consente di fronteggiare meglio le difficoltà  quotidiane come un licenziamento o un divorzio.

Ma se  la fede e la preghiera fanno bene alla salute, c’è un limite oltre il quale la scienza dice stop: andare oltre può avere controindicazioni.

 

 

La fede fa bene alla psiche

 

Il benessere mentale e psichico della fede in Dio è stato dimostrato da alcune delle conclusioni di uno studio presentato in una conferenza della britannica Royal Economic Society.

Secondo l´analisi dei dati raccolti su migliaia di europei, credere in Dio offre degli indubbi vantaggi per affrontare i problemi della quotidianità . La religione è come un “tampone” che aiuta i fedeli a proteggersi dalle delusioni della vita.

All´inizio la ricerca ha focalizzato l´attenzione sulla relazione tra sussidio di disoccupazione e felicità , analizzando le differenze fra i vari Paesi europei. Poi, i ricercatori si sono resi conto che gli individui disoccupati subivano minori danni psicologi se erano religiosi, piuttosto che se avevano un generoso sussidio di disoccupazione.

 

Leggi anche: Ogni malattia ha i suoi… ” Santi in Paradiso”

 

Troppe preghiere non fanno bene alla linea

 

Tuttavia ci sono dei limiti . La scienza discute da molto tempo sui benefici della preghiera e della meditazione. I vantaggi sono tanti: per lo spirito, l’equilibrio mentale, la serenità nei rapporti con gli altri, oltre che con se stessi, addirittura per la salute del cuore. Mai, fino a questo momento, si era stabilito un nesso tra la preghiera e la forma fisica, tra il culto religioso e il sovrappeso. Proprio così: uno studio sostiene infatti che più si è osservanti verso la propria religione di riferimento, maggiore è il rischio di diventare obesi.

 

Sei pessimista o ottimista? Scoprilo con IL TEST

 

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}