• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

968 visite

Sbiancanti per i denti: funzionano?

Scopri se sono efficaci e mantengono le promesse che fanno

Sbiancarsi i denti non è più uno sfizio da star né un vezzo da inguaribile narcisi. Un tempo, bisognava andare da uno specialista, sottoporsi a trattamenti lunghi e complicati, per ottenere risultati tra l’altro non sempre duraturi. Oggi è diverso: in commercio si trovano numerosi prodotti sbiancanti fai-da-te, che promettono di far ritrovare lo smalto perduto a tempo di record. Senza mettere a repentaglio la salute del sorriso. Ma funzionano davvero?

Che cosa sono
I trattamenti sbiancanti da fare in casa prevedono l’uso di una sostanza sbiancante, sotto forma di gel, costituita da perossido di idrogeno (l’acqua ossigenata) o da perossido di carbammide. Si acquistano in farmacia e si presentano in diverse tipologie: il gel può essere applicato con bastoncini di cotone, inserito in mascherine anatomiche da introdurre in bocca o in striscioline che si adattano ai denti.

Come funzionano
A differenza dell’azione dello spazzolino e dello specifico dentifricio sbiancante, i trattamenti fai-da-te non ottengono risultati attraverso lo sfregamento, ma per una reazione chimica (l’ossidazione) meno rischiosa per la salute dello smalto.

Quanto dura il trattamento
Bastoncini, mascherine o striscioline vanno tenute in bocca quotidianamente da mezz’ora a due ore, a seconda dei tipi, di solito al mattino e alla sera. I primi risultati si notano dopo un paio di settimane, ma il trattamento può durare anche diversi mesi e va ripetuto a distanza di tempo.

L’efficacia
L’entità dello sbiancamento varia a seconda di diversi fattori: la densità e la porosità del dente, le abitudini di vita del paziente e altro ancora. Ma conta moltissimo anche affiancare al “fai-da-te” un trattamento professionale dallo specialista: tra le novità, l’uso, oltre che di un gel a base di perossido di idrogeno e altre sostanze che accelerano i tempi di sbiancamento, anche di una luce laser. Risultato: denti fino a dieci gradi di tonalità più bianchi, in una sola seduta da un’ora.

Le controindicazioni
Prima di sottoporsi a un trattamento fai-da-te o professionale, è sempre meglio sottoporsi a un controllo dal dentista. Infatti, in presenza di carie, otturazioni, microlesioni dello smalto o altri problemi, questo metodo non è applicabile. Niente sbiancamento neanche per i bambini (più esposti a fenomeni di sensibilità dentale) o per chi porta apparecchi correttivi.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}