• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

636 visite

Salute: la classifica delle “Regioni-Inferno” dove si muore prima o ci si ammala di più

Salute: ecco la prima classifica delle Regioni Inferno: quelle in cui si vive 3 anni meno della media e dove si muore di più di cuore e tumore.

Sarà anche vero che il servizio sanitario italiano è fra i migliori al mondo, ma se esistono regioni in cui si vive 3 anni di meno di altre significa che è giunto il momento di far sapere agli italiani le regioni dove conviene spostarsi perchè si vive di più, e quelle da dove occorre invece fuggire perchè si vive meno.

 

 

A fornire le cifre che consentono di svelare questa insopportabile diversità delle opportunità di salute in Italia è il Rapporto Osservasalute 2016 presentato dal Policlinico Agostino Gemelli nel mese di aprile 2017, corredato da una infinità di dati tutti inoppugnabili perchè di fonte Istat.

Emerge una mappa della salute in Italia che, oltre a svelare la classifica della longevità tra una regione e l’altra, indica di cosa si muore e di cosa si guarisce tra una regione e l’altra; informazione che possiamo considerare un indicatore indiretto della qualità delle cure sanitarie del paese, utile anche per definire una classifica delle regioni più efficienti e meno efficienti nel dispensare le cure sanitarie.

 

Leggi anche: Perchè la malasanità è un problema del Sud e delle isole

Dove si muore di più

Il rapporto rende esplicite le cifre del periodo che va dal 2003 al 2014, dunque su un arco di tempo di 12 anni suddivise per maschi e femmine, con situazioni molto diverse fra i due generi.

Classifica della mortalità degli uomini

Ebbene la regione in cui uomini gli si muore di più è la Campania .

Campania 122,2 decessi ogni 10 mila abitanti;
Sicilia 114,8;
Molise 110,79;
Calabria 110,7
Valle d’Aosta109,7
Basilicata e Piemonte 109
Lazio108,6
Abruzzo 108,2
tutte regioni al sopra della media italiana che è di 107 decessi ogni 10 mila abitanti.
Classifica della mortalità delle donne
Campania 82,2
Sicilia 79,1
Calabria 73
Piemonte 70,8
Lazio 70,6
Tutte al sopra della media italiana che è di 69,8 decessi ogni 10mila donne.

Emerge dunque che le donne muoiono in Campania il 50% meno degli uomini, in Calabria il 28% i meno ed i Piemonte e nel Lazio il 35% in meno.
Basterebbero questi numeri ad indurre gli uomini ad abbandonare la Campania e le donne a trasferirsi dal Lazio e Piemonte in Calabria.

 

 

Leggi anche: Salute: Ecco la classifica delle Regioni-Paradiso, dove si vive di più e ci si ammala di meno

 

Dove si muore di più per tumore

 

Il rapporto pubblica anche interessantissime cifre sulle cause dei decessi regione per regione. Si scopre così che in Campania si muore di tumore il 40% più che nel Molise; in Lombardia il 20% più che in Calabria.

Ecco dove il tumore fa più vittime
Campania 38,1
Lombardia 36,7
Lazio 36,2
Friuli 36
Piemonte 35,5
Trento 35,1
Liguria ed Emilia Romagna 34,7
tutte regioni al di sopra della media anzionale che è di 34,9 morti di tumore ogni 10 mila persone.
Dove il tumore fa meno vittime
Molise 29,6
Calabria 30,4
Basilicata 30,9
Abruzzo 31,3
Sicilia 32,6
Valle d’Aosta 33,1
Piemonte 33,5
Puglia 33,7
Toscana 34
Veneto 34,8

 

Leggi anche: Sanità: le Regioni che sprecano di più

 

Dove si muore di più per problemi di cuore

Infarti e problemi cardiocircolatori sono un’altra causa di morte che varia da regione a regione. Con una costante: la regione Campania è comunque in testa alla classifica dove si muore di più anche per questa patologia.

Dove si muore di più per problemi di cuore

Ecco la classifica
Campania 47,3 decessi ogni 10 mila persone
Molise 47,2
Sicilia 43,5
Calabria 42.9
Basilicata 40,4
Abruzzo 40
Lazio 38.5
Piemonte 37,3
Queste sono tutte regioni in cui i decessi per problemi di cuore sono superiori alla media nazionale che è pari alla frequenze del Piemonte.

 

direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}