• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

9.942 visite

Il singhiozzo? Ecco 12 modi per farlo passare

Il singhiozzo colpisce adulti e bambini ma per ragioni diverse. Ecco che fare con i bambini e cosa fare con gli adulti: 12 soluzioni dalle erbe e dalla tradizione.

 

I rimedi dolci per adulti e bambini

Il singhiozzo è un disturbo fastidioso, che in genere, si risolve da solo in breve tempo, ma se il problema è particolarmente persistente o si ripresenta spesso si può alleviare con l’aiuto delle erbe.

 

Contro il singhiozzo ostinato

Il rimedio tradizionale più impiegato è il macerato di finocchio. Si può preparare in casa seguendo questa ricetta: mettere in un vaso di vetro a chiusura ermetica mezzo litro di vino bianco e 75 g di semi di finocchio (Foeniculum vulgare).

Chiudere bene e lasciare macerare per otto giorni, scuotendo il vaso di tanto in tanto il recipiente, quindi filtrare con cura e travasare in una bottiglia di vetro scuro. In caso di bisogno si consiglia di assumerne un cucchiaino oppure due dopo i pasti per migliorare la digestione.

 

Leggi anche: Digestione, 11 cose che non ti aspetti

 

Contro il singhiozzo dovuto a cattiva digestione

Non di rado si consumano i pasti troppo velocemente e sotto stress. Ecco allora le  erbe che svolgono un’azione digestiva e calmante.

Si può preparare una tisana con 65 g di verbena odorosa (Lippa citriodora), 20 g di melissa (Melissa officinalis) e 15 g di fiori di lavanda (Lavandula officinalis). Mettere un cucchiaino di questa miscela in una tazza da tè (100 ml) e coprire con acqua bollente. Filtrare dopo 10-15 minuti di riposo e bere a piccoli sorsi.

Un’alternativa può essere anche il gemmoderivato di fico (Ficus carica M. G.1 D H): 30-40 gocce in una tazzina d’acqua, un quarto d’ora prima dei pasti.

Anche l’aneto (Anethum graveolens) è molto consigliato per le proprietà antispastiche e digestive. Con questo si prepara un infuso con un cucchiaino di semi in una tazza (100 ml) d’acqua bollente. Lasciare riposare 10-15 minuti prima di filtrare e consumare a piccoli sorsi.

 

Le erbe per prevenire il singhiozzo

Tra i rimedi verdi, c’è una pianta che può aiutare a prevenire il singhiozzo. Qual è? Il dragoncello o estragone. È un’erba aromatica che si utilizza preferibilmente fresca per carni, salse e condimenti o insalate di stagione.

E utile in questo caso anche l’origano (Origanum vulgare), in genere impiegato per le carni, per il pesce, per le salse e altre preparazioni a base di pomodoro. Da entrambe le erbe si può ricavare anche un infuso (un cucchiaino scarso per ogni tazza d’acqua bollente), da lasciare riposare per 5-10 minuti e consumare a piccoli sorsi in caso di necessità.

 

Leggi anche: Ecco le spezie che fanno bene alla salute

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}