• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

9.116 visite

Il singhiozzo? Ecco 12 modi per farlo passare

Il singhiozzo colpisce adulti e bambini ma per ragioni diverse. Ecco che fare con i bambini e cosa fare con gli adulti: 12 soluzioni dalle erbe e dalla tradizione.

Il singhiozzo si presenta nei momenti meno opportuni e quando si tenta di combatterlo diventa anche peggiore.

In ogni caso da quando esiste il singhiozzo esistono anche i rimedi per farlo passare. Alcuni rimedi sono davvero empirici, altri sembrano avere una base scientifica. Come quello consigliato già da Ippocrate duemila anni fa, che consiste nel trattenere il fiato e restare in apnea per 10-15 secondi. Perché funziona? Perché si costringe il diaframma a rilassarsi e spesso il fastidio cessa in pochissimo tempo.

L’elenco degli altri rimedi per contrastare il singhiozzo è davvero lungo, ma alcuni rimedi sono più adatti agli adulti e altri ai bambini.  Vediamo nel dettaglio.

 

Leggi: Cosa si nasconde dietro un semplice singhiozzo

 

Rimedi antisinghiozzo per adulti

Non’ c’è garanzia che con questi rimedi si possa davvero sconfiggere il singhiozzo, ma tanto vale provare:

  1. bere acqua a piccoli sorsi;
  2.  smettere di respirare e inghiottire 10 sorsi di acqua uno dopo l’altro;
  3. succhiare una fetta di limone;
  4. succhiare del ghiaccio tritato;
  5. masticare e inghiottire del pane secco;
  6. tirare la lingua verso l’esterno tenendola tra pollice e indice;
  7. bere un cucchiaio di limone;
  8. bere un cucchiaio di aceto;
  9. fare dei gargarismi con acqua molto calda o molto fredda;
  10. tappare il naso, chiudere la bocca, trattenere il respiro il più possibile come si fa prima di un tuffo;
  11. masticare radice di zenzero;
  12. mangiare un cucchiaio di zucchero.

 

 

Rimedi anti singhiozzo per bambini

Il singhiozzo nel bambino è un fenomeno comune che mette molta apprensione ai genitori che iniziano la ricerca dei metodi per farglielo passare.

In genere il singhiozzo nel bambino è dovuto al fatto che il cardias, la valvola che permette la comunicazione tra l´esofago e lo stomaco, non si chiude ancora perfettamente perché non si è ancora formata del tutto. Fa la sua comparsa dopo la poppata al seno o al biberon.

Il motivo? Ha succhiato troppo voracemente e ha ingerito una grande quantità di aria. Ma può verificarsi anche quando piange perché ingerisce troppa aria.

Altre volte compare quando si cambia il pannolino o quando ci si accinge ad immergerlo nell’acqua del bagnetto. In questi casi il singhiozzo potrebbe essere stato scatenato dal cambio di aria improvviso.

Come rimediare in tutti questi casi? Si può riattaccare il bambino al seno, oppure si può dargli da bere semplice acqua. Un altro rimedio consiste nel stimolargli lo starnuto passando un dito delicatamente sul naso. O ancora, praticare un leggero massaggio sulla schiena del neonato tenendolo sulle ginocchia in posizione verticale.

Attenzione! C’è qualche cosa che non dovete fare mai. Cosa? Bloccargli il respiro stringendogli le narici oppure dargli da bere qualche cucchiaino di succo di limone perché potrebbe scatenare reazioni allergiche.

 

VIDEO : Starnutisci? I 6 organi che rischiano di più

 

I rimedi dolci per adulti e bambini …(segue)

 

 

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}