• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

245 visite

Ridere è una ginnastica per il cervello

I benefici sono identici a quelli della meditazione, ideali per gli anziani

I benefici della risata sono noti da diverso tempo ormai. Ma continuano a spuntarne di nuovi, che non smettono di sorprendere. Avreste mai pensato, solo per fare un esempio, che le proprietà benefiche del ridere fossero equiparabili a quelle di un’attività decisamente diversa, se non proprio opposto, qual è la meditazione?

Il primo studio
Il senso dell’umorismo può aiutare a prevenire la perdita di memoria negli anziani e ridere aumenta le capacità di ricordare integrando l’attività di ogni area del cervello. Gli effetti delle risate sono pari a quelli ottenuti con la meditazione.
Lo suggeriscono due ricerche presentate al meeting annuale della Experimental medicine di San Diego, California e condotte dai ricercatori della Loma Linda Univerisity, California.
La prima è stata svolta su un campione di anziani diabetici e sani. Divisi in due gruppi, il primo ha guardato dei video umoristici di 20 minuti ed è stato anche quello con il maggiore calo di cortisolo, ormone coinvolto sia nell’aumento della glicemia che dello stress, ed ha anche mostrato un migliore rendimento nei test mnemonici.

Il secondo studio
La seconda indagine ha controllato gli effetti di diverse tipologie di video, umoristici, spirituali o antistress, su 32 persone sottoposte ad elettroencefalogramma. Chi aveva visto i video divertenti mostrava i più alti livelli di onde gamma, uniche frequenze che viaggiano in ogni parte del cervello attivando i maggiori livelli di integrazione fra le varie funzioni. Una sorta di ginnastica cerebrale che aiuta a ricordare di più, concludono gli autori.

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}