• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.226 visite

Simpatia, come capire se chi fa ridere è anche intelligente

Una ricerca Usa svela le correlazioni tra senso dell’umorismo, salute mentale intelligenza e i 5 tratti della personalità umana: energia, amicalità, coscienziosità, stabilità emotiva e apertura mentale

Simpatia è anche intelligenza? Immaginate un gruppo di amici, uno è sempre serioso, ride poco, potrebbe essere timido e poco loquace; oppure saputo, erudito, uno di quelli che si prende sul serio e sembra molto preparato.

E immaginate nello stesso gruppo un altro amico che ama ridere, ha la battuta sempre pronta; potrebbe essere ironico, loquace, prende in giro gli altri ed anche se stesso, magari racconta barzellette ed è dotato certamente di senso dell’umorismo.

Ebbene, chi dei due secondo voi è più intelligente? La risposta viene da uno studio condotto dagli psicologi americani Daniel P. Howrigan e Kevin MacDonald, e pubblicato sulla rivista “Evolutionary Psychology”, su un campione di 185 studenti.

E il verdetto sembra non avere equivoci perché dimostra che chi è dotato di umorismo ha anche una migliore salute mentale ed un maggior quoziente di intelligenza; e dunque tra i due amici, quello più intelligente è senza dubbio che all’apparenza non appare tale, cioè quello che ama ridere e scherzare.

 

Leggi anche: Pillola dell’intelligenza: ecco gioie e dolori

 

I 5 tratti della personalità

La ricerca di Daniel P. Howrigan e Kevin MacDonald, aveva come oggetto la verifica della corrispondenza tra il senso dello humour e l´indicatore di intelligenza, ed ha analizzato anche le interazioni tra i due fattori e i cosiddetti Big Five, i cinque tratti della personalità che ognuno possiede: energia, amicalità, coscienziosità, stabilità emotiva e apertura mentale.

Ne è risultato che una buona intelligenza è la premessa di uno spiccato senso dello humour, indipendentemente dai tratti della personalità e dal sesso.

 

Pensi di essere simpatico?

 

Chi ha un carattere estroverso non necessariamente è intelligente

Se dunque ridere o far ridere, avere cioè il senso dell’umorismo è indice di intelligenza, si potrebbe per analogia pensare che poiché gli estroversi amano ridere, anche loro hanno una più elevata intelligenza.

Ed invece su questo versante i ricercatori invitano a non fare facili analogie perché la stessa ricerca ha appurato che anche un carattere estroverso è indice di un´elevata capacità umoristica, ma non necessariamente di una buona intelligenza.
In sostanza, se sapete far ridere con arguzia, avrete sicuramente un buon cervello funzionante. Ma se siete estroversi non è detto che siate anche più intelligenti.

 

Leggi anche: Lo scroccone? ecco 4 indizi per riconoscerlo a prima vista

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}