• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.704 visite

Ecco gli antibiotici che mettono a rischio la vista

Una ricerca canadese punta l’indice su 3 categorie di antibiotici in commercio anche in Italia e correlati al distacco della retina ed alla rottura dei tendini. Ecco i loro nomi.

Si nasconde un pericolo concreto, dietro alcuni tipi di antibiotici. Quello di dover soffrire di un distacco della retina. Lo rivela la rivista scientifica " Journal of American Medical Association", secondo cui i farmaci sotto accusa sono noti come "fluorochinoloni" e includono la "ciprofloxacina" e la "levofloxacina".

Effetti collaterali

"Sappiamo che questi farmaci sono tossici per il tessuto connettivo della cartilagine", ha detto Mahyar Etminan, autore principale dello studio promosso dal Child and Family Research Institute of British Columbia di Vancouver (in Canada). "Ricerche precedenti collegano, inoltre, i fluorochinoloni ai danni ai tendini della spalla", ha aggiunto.

Leggi anche: Antibiotici, quando si e quando no

Si tratta di effetti collaterali gravi. Il distacco della retina infatti inizia con la comparsa di linee o punti sull´occhio ma può arrivare a causare cecità permanente se non è trattato chirurgicamente in pochi giorni.

La correlazione antibiotici distacco della retina

Per arrivare a queste conclusioni Etminan e i suoi colleghi hanno utilizzato dati provenienti dai registri dei trattamenti oculistici del British Columbia somministrati dal 2000 al 2007. Un totale di quasi un milione di pazienti che comprendeva circa 4.400 persone con diagnosi di distacco di retina con una media di età di 61 anni.

Leggi anche Allarme antibiotici: in Ospedale 1 su 2 non funziona

Dall´indagine è emerso che uno ogni 30 pazienti con distacco di retina stava prendendo fluorochinolone al momento della diagnosi, in particolare la ciprofloxacina.

"La spiegazione più probabile è che gli antibiotici danneggino le fibre e il tessuto connettivo degli occhi, attaccando il corpo vitreo e la retina", hanno concluso i ricercatori.

 Cerca Farmaci: Scopri gli antibiotici che contengono i principi attivi sospetti

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}