• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.090 visite

Regole per un menu perfetto

Se non volete incorrere in errore è bene che sappiate come vanno distinti i pasti nell’arco della giornata:

  • la colazione è il pasto di mezzogiorno;
  • il pranzo è il pasto della sera.

Menu per la colazione                    

  • Prima portata. Possono essere serviti tutti gli antipasti caldi o freddi.
  • Seconda portata. Sono indicati piatti di pastasciutta come timballi, pasta al forno, torte salate. Evitate le minestre o e zuppe.
  • Terza portata. Dovrebbe essere di carne o pollo o pesce o cacciagione, seguito da due contorni. L’insalata è obbligatoria se servite l’arrosto o piatti che non abbiano salse.
  • Formaggi. Chiudono la colazione, anche se è stata abbondante, prima di passare a dessert o alla frutta.
  • Dessert e frutta. La frutta non è d’obbligo, ma va scelta tra quella più facile da mangiare, uva tagliata in grappoli, ciliegie o macedonia. Meglio se presentate un piatto di frutta già affettata.

Menu per il pranzo

  • Prima portata. Di solito si inizia il pranzo con una crema, una vellutata, un consommé o un soufflé. Sono ammessi antipasti solo eleganti come salmone affumicato, caviale, ostriche, mousse, terrine.
  • Seconda portata. Potete servire pesce, sformati, asparagi. Il pesce va servito sempre prima della carne.
  • Terza portata. E’ un piatto di carne accompagnato da due verdure e dall’insalata se si tratta di un arrosto o di un piatto non a base di salsa.
  • Quarta portata. Va servito un dessert al cucchiaio. Ottimi i semifreddi o i soufflé.

Non va mai servita la frutta né il formaggio.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}