• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.672 visite

Regali di Natale, piccola guida per non sbagliare scelta

Ai regali di Natale tutti noi affidiamo tanti attese contemporaneamente: vogliamo che sia originale, che sia gradito, che non costi molto, che sia apprezzato, che sia percepito come più costoso di quello che è, ma spesso sbagliamo e la cosa può dispiacerci e dispiacere a chi lo riceve.

C’è un modo per ridurre il rischio del regalo sbagliato? Un gruppo di psicologi Yang e Urminsky rispettivamente della National University di Singapore e della University of Chicago hanno condotto uno studio approfondito sulla psicologia della scelta dei regali pubblicata sulla rivista Psychological Science e sono giunti a qualche utile conclusione, soprattutto analizzando cosa si cela psicologicamente dietro la scelta di chi fa e di chi riceve un regalo.

 

Leggi anche: La classifica dei regali di Natale meno graditi

 

Spesso il regalo è sbagliato

Il dato da cui sono partiti è che nelle statistiche 1 regalo su 3 non è gradito da chi lo riceve che, infatti, chiede di cambiarlo. Ora, si può essere indifferenti alla circostanza (e ciò accade quando del destinatario ci importa poco) o si può essere anche molto dispiaciuti, se invece del destinatario ci importa molto.

Ma cosa influisce nella nostra psicologia quando facciamo/riceviamo un regalo? Quali sono i motivi per i quali chi fa un regalo non riesce a massimizzare la soddisfazione di chi lo riceve?

Gli studiosi sono convinti che gli errori commessi nascono da principalmente 2 ragioni:

  1. dalla difficoltà che abbiamo nel riuscire a valutare gli altri ed a predire le loro preferenze , ragione per cui ci rifugiamo nella ricerca del loro “sorriso momentaneo”, magari anche solo di cortesia, ovvero nella ricerca di una soddisfazione di breve durata.
  2. dal fatto che dipendiamo molto dalle espressioni del viso degli altri, come per esempio dimostra sui social, l’uso smodato delle faccine per trasferire, oltre ai contenuti di un messaggio, anche un atteggiamento emotivo.

Le persone infatti amano chi mostra affettività positiva, mentre tendono ad allontanare coloro che mostrano espressioni affettività negative.

Ecco perché le espressioni di chi riceve un regalo sono importanti. La sensazione di essere riusciti a fare un regalo azzeccato aggiunge valore alla relazione, principalmente perché testimonia che chi ha scelto il regalo si è impegnato nella scelta, per il valore che attribuisce all’altra persona.

 

Leggi anche: Natale, come gestire l’ansia del regalo in extremis

 

Regalo materiale e simbolico

Dunque se questo è il valore appare evidente che…….

 

(segue)

Tag:
Bruno Costi
Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}