• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

6.404 visite

Come riconoscere e sconfiggere il reflusso gastrico

Di reflusso gastrico soffre 40% degli occidentali, un italiano su tre, e può dipendere semplicemente da qualche errata abitudine. Come liberarsi di bruciori, rigurgito e acidità.

Di reflusso gastrico , tecnicamente definito reflusso gastroesogafeo, soffre 40% degli occidentali, un italiano su tre, e può dipendere semplicemente da qualche errata abitudine. A volte, però, il reflusso ha conseguenze serie ed è per questo che bisogna imparare a riconoscerlo per tempo.

Il rischio di soffrirne cresce con l’età: le persone più esposte hanno tra i 55 e i 64 anni. Ma può colpire anche in seguito a pasto troppo abbondante, per essersi sdraiati subito dopo mangiato, per aver bevuto troppi alcolici o per l’aver fatto tutte queste cose insieme.

 

Leggi anche: Reflusso gastroesofageo: molti ce l’hanno pochi lo sanno

 

Tutta colpa di una valvola

Il reflusso gastroesofageo dipende dal cattivo funzionamento della valvola che separa l’esofago dallo stomaco. Quando si mangia, questa valvola si apre per far passare il cibo nello stomaco e si chiude subito dopo.

Se non funziona come dovrebbe, il cibo può tornare nell’esofago, portando con sé gli acidi che si trovano nello stomaco. Questi aggrediscono le pareti esofagee provocando bruciori, infiammazioni e in alcuni casi piccole ferite.

Il disturbo può essere occasionale o cronico: in quest’ultimo caso viene chiamato malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE).

 

Leggi anche: Estate, i 5 nemici dello stomaco

 

I sintomi del reflusso 

Come riconoscerne i sintomi? Il più diffuso è una sensazione di bruciore nella zona subito dietro lo sterno. Di solito, il fastidio si avverte nell’arco della prima ora successiva al pasto e può durare anche diverse ore.

Molto frequente anche il rigurgito acido, che può estendere il bruciore alla gola, causando un’ipersalivazione. In casi più seri, si verificano anche problemi respiratori (asma, bronchite, tosse cronica) dovuti al contatto degli acidi con le vie respiratorie.

 

Le terapie anti reflusso 

Una volta riconosciuti i sintomi, occorre rivolgersi subito al proprio medico, l’unico in grado di capire se si tratta di un fenomeno passeggero o se c’è bisogno di esami più approfonditi (come l’endoscopia).

Per risolvere i casi non gravi di solito può bastare un breve periodo (1 mese) di trattamento con un dosaggio minimo di farmaci a base di esometazolo, che inibisce la produzione di acidi gastrici.

 

La corretta alimentazione anti reflusso

Ma occorre anche rivedere la propria alimentazione. Ad esempio evitando di mangiare cibi (come cioccolata, cipolla e cibi grassi) che rendono più debole la valvola tra stomaco ed esofago o quelli (come caffè, agrumi e pomodori) che aumentano l’acidità nello stomaco, favorendo invece alcuni ortaggi.

Nei casi in cui invece siano presenti complicazioni (come l’esofagite, un’infiammazione cronica dell’esofago) si ricorre a terapie più lunghe (6 mesi, con alti dosaggi di esometazolo), a cui segue una terapia di mantenimento per evitare ricadute.

 

Leggi anche: Una ricetta contro il bruciore di stomaco

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}